Magica. Difficile, anzi, praticamente impossibile trovare altre parole per descrivere al meglio la Virtus Ciampino vista ieri pomeriggio in Umbria. Le giallorosse, sotto di tre reti quando il tabellone del PalaPellini segnava 8’48” della ripresa, hanno sfoderato una reazione fatta di forza, grinta, qualità e, soprattutto, un infinito cuore nel ribaltare il punteggio e assicurarsi, in virtù del kappaò patito dal Pucetta per mano della Femminile Molfetta, la quarta piazza del girone C a soli 80’ effettivi dal termine della regular season.

A partire dalla prima frazione, terminata a porte inviolate, Perugia e Virtus hanno dato vita a una gara avvincente e condotta su ritmi sostenuti. Le tre marcature locali, realizzate dunque interamente nella ripresa, hanno portato la firma di Castagnoli, Donati e l’estremo difensore Pizi; le giallorosse, dopo l’autorete di Mastrini scaturita dal corner calciato da Centola, sono invece andate a segno proprio con lo stesso capitano, con Segarelli e, infine, con Verrelli, autrice di un eurogol dalla distanza, a 2’30” dalla sirena, che si è incastonato sotto l’incrocio alla sinistra del pipelet biancorosso.

Il Ciampino, il primo maggio, sarà ancora impegnato in trasferta, stavolta al cospetto della Soccer Altamura, prima di chiudere la stagione regolare al PalaTarquini, la domenica seguente, contro la capolista Vis Fondi. Altri due match, quelli sul percorso tinto di giallorosso, dove servirà ancora una volta l’identico Dna virtussino mostrato ieri. Ma con ragazze così, non c’è alcun dubbio che ciò non accada.

Ufficio Stampa Virtus Ciampino