Per poco le ragazze di Stefania Caimmi non centrano il colpaccio in casa della capolista Noalese, alla quale le grigiorosse sono le prime a strappare un pari, recriminando per le parate nei secondi finali di Guicciardi che salva la sua porta.

Una Walcor a secco di punti dal lontano match contro la Sportland del 25 novembre, che al palazzetto Azzurri d’Italia, è parsa trasformata nell’approccio alla gara e con una voglia di reagire che da diverse partite non si vedeva. La partenza è perentoria e sugli sviluppi di un fallo laterale, Serrao tira di prima intenzione sul secondo palo, trovando la deviazione di un’avversaria che inganna Guicciardi. Le padroni di casa faticano a trovare spazi, ma agguantano il pari con Cerato, che controlla la sfera e supera Contesini. Le grigiorosse dimostrano di non accusare il colpo e restano concentrate riportandosi in vantaggio con Sara Savazzi, che dalla distanza indirizza la palla nell’angolino alla destra del portiere. Guicciardi non può nulla nemmeno poco dopo, quando Piccoli si presenta davanti e la trafigge, per un sorprendente, quanto meritato fino a quel momento, parziale di 1 a 3. Il tempo si chiude con Ranzolin che su azione d’angolo, calcia di potenza con la palla che passa in mezzo a tante gambe e termina la sua corsa alle spalle di Contesini.

Nella ripresa, la capolista cerca invano la rete del pareggio, ma continua a faticare a trovare spazi, fino a quando Melania Gabbiadini poco fuori dall’area colpisce la palla in maniera vincente. Ma quella di Noale è veramente una Walcor che non ti aspetti, perché a chiudere in avanti, sono proprio le cremonesi che sfiorano il colpo grosso nei minuti finali. Prima, Guicciardi si esalta e para un rigore a Carol Savazzi, e a seguire, sul suono della sirena, Dedè si fa ipnotizzare dalla brava numero uno veneta.

(Fonte Ufficio Stampa Walcor Cremona Futsal SP)