La vittoria della Coppa d’Oro ai danni del PMB, imponeva i 3 punti alle due contendenti scese in campo al Palasport di Fondi per mantenere la testa della classifica. È la squadra di mister Cibelli ad aggiudicarsi la posta in palio e proseguire la corsa ora a due. La Virtus si arrende alle magie di Moroni.

Le giallorosse entrano in campo con Taccaliti, Alvino, Centola, Carullo e Segarelli e partono con il piede sull’acceleratore con la conclusione di Carullo e il doppio tentativo di Segarelli che porta in dote una traversa e un angolo. Ma soffrono i lanci lunghi di Iarriccio per Moroni, abile a posizionarsi tra Alvino e Taccaliti, troppo ancorata alla linea di porta.
A metà del primo tempo, Moroni, inspiegabilmente sola in area, innescata dall’esordiente Ashikaga, pareggia il conto dei pali e subito dopo è Kota a servire Guercio sulla quale si supera Taccaliti in uscita.

Il timeout restituisce lucidità alle giallorosse che al rientro hanno subito l’occasione del vantaggio con la discesa sulla sinistra di Centola che al momento giusto trova al centro Lucentini, il controllo è perfetto, ma la conclusione si stampa sul palo.
Sul finire della prima frazione da un angolo per le ospiti scaturisce la ripartenza fondana guidata da Moroni, Carullo non riesce a contenerla, ma il suo destro è disinnescato da Taccaliti.

La ripresa si apre con il vantaggio delle padroni di casa. Combinazione Moroni-Ashikaga, tiro di quest’ultima, ma la conclusione è smorzata e arriva proprio sui piedi della numero 14 che in area beffa Taccaliti in uscita con un pregevole pallonetto.

La Virtus accusa il colpo, ma Taccaliti mantiene inalterato il risultato non lasciandosi superare in più di un’occasione da Kota e da Ashikaga che non sfrutta un due contro uno innescato da Moroni. La rete è però nell’aria e arriva da un fallo laterale di Moroni che coglie la retroguardia giallorossa impreparata, lasciando indisturbata in area Guercio che mette a segno la più facile delle reti.
Del Papa risponde con Segarelli come quinto di movimento e De Luna accorcia immediatamente le distanze. La chance del pareggio, servita da De Luna, capita sul piede sbagliato di Centola, il destro, e la palla finisce alta sopra la traversa.

La squadra di Cibelli si chiude bene malgrado l’inferiorità imposta prima da Segarelli e poi da Lucentini che prendono il posto di Taccaliti quando la Virtus gestisce il gioco. Talmente bene da far perdere la pazienza alle giallorosse che forzano la giocata e concedono a Zomparelli la palla del 3-1, negata dalla scivolata di Di Ventura quasi sulla linea di porta.
La mancaza di sbocchi porta all’errore Di Ventura e Centola, che costano caro alla Virtus e valgono per il Fondi il 3-1 di Moroni e il 4-1 di Ashikaga.

Teana Tittoni
Ufficio Stampa A.S.D. Virtus Ciampino