Il proseguo di una nuova era. Con Paola Marcone, presidente della Virtus Ciampino, ci siamo salutati tre mesi fa. Era l’inizio del nuovo corso giallorosso. Che finalmente ripartiva da una base solida, dopo il cambio di guida tecnica a campionato inoltrato nel 2018/19. Il clima è cambiato. Si respira un’aria diversa, più serena, distesa. Le ragazze di mister Del Papa hanno chiuso il girone d’andata al secondo posto, a -3 della vetta occupata dalla Coppa D’Oro.

Paola, questo inizio deve aver superato ogni vostra più rosea aspettativa.

“Sì, devo ammetterlo. Siamo ripartite con tanta umiltà, dicendoci che da settembre sarebbe cominciato il nostro anno zero, visto che la passata stagione Del Papa ha ereditato la squadra in corsa. Abbiamo iniziato il campionato con questa solidità alle spalle, anche se è chiaro che non ci saremmo mai aspettati un inizio di questo calibro. Quest’estate avrei firmato per finire il girone d’andata seconda a tre punti dalla Coppa D’Oro, la squadra più attrezzata per la promozione”.

Cosa c’è di diverso in questa nuova Virtus Ciampino?

“Qualcosa è cambiato proprio a settembre. La squadra si è amalgamata con qualche uscita, trovando così la giusta quadratura nello spogliatoio. Sono tutte ragazze che si divertono e c’è grande serenità negli allenamenti. Siamo un bel gruppo e penso davvero che quest’anno potremmo divertirci e dare fastidio a qualcuno là davanti”.

Riuscirete a confermarvi al vertice?

“Non siamo lì per caso. Questi risultati sono merito dell’allenatore e delle ragazze, i punti si conquistano sul campo. Noi siamo partiti con l’intento di costruire qualcosa nel corso del tempo. In estate abbiamo puntato su De Angelis, che si è rivelata una grandissima sorpresa, e su Alvino che ho corteggiato a lungo perché ero consapevole del suo valore. Per il resto siamo rimaste le stesse dello scorso anno, quando faticavamo tantissimo in ogni partita. Ora siamo coese. Le ragazze hanno un piglio diverso, lavorano serenamente e così i risultati arrivano”.

Quindi non vi nascondete: puntate alla promozione?

“Io vivo molto al momento, non mi pongo limiti. Nel caso in cui riuscissimo a salire di categoria poi faremo le dovute valutazioni. Quello che voglio da queste ragazze è che diano il massimo, la maglia va sudata sempre. Poi sappiamo tutti che arrivare in Serie A comporterebbe uno sforzo economico non indifferente. Ma dobbiamo giocarcela con tutti, è lo spirito dello sport. Se alla fine a vincere saranno gli altri allora gli batteremo le mani.”

Anche perché il Girone C di Serie A2 è di altissimo livello.

“Il nostro è un ottimo girone. Coppa D’Oro, Vis Fondi, Woman Napoli. È veramente un bel campionato, mi ha impressionato anche il Castellammare. Non erano tante numericamente ma hanno pressato per tutta la partita disputando un’ottima gara. Noi siamo lì, ci divertiremo e daremo filo da torcere a tutti”.

Avete in mente qualcosa da fare sul mercato?

“La defezione di Sophia Pisello ci pesa tantissimo. Però l’ambiente è talmente sereno che non abbiamo in mente di inserire nessuno. Aggiungere qualcuno in corsa a un gruppo così collaudato non è semplice, rischi di spostare degli equilibri”.

Paola Marcone ha anche un messaggio per tutti gli amici di LadyFutsal e del calcio a 5 femminile:

“Faccio gli auguri di buone feste a tutto il mondo del futsal femminile. Che portino gioia e serenità in famiglia a chiunque stia leggendo!”.

Noi ricambiamo e ringraziamo Paola per la grande gentilezza e disponibilità.