Nella partita contro l’Audace è arrivata una sconfitta per la Union Fenice, ma c’è una nota lieta: l’esordio di Giulia Pellin con la sua nuova maglia. In attesa della prossima sfida, noi di Ladyfutsal abbiamo scambiato quattro chiacchiere proprio con l’ultima arrivata in casa Fenice…

Ciao Giulia! Domenica scorsa il tuo esordio: emozioni?

“Tutte nuove e molto forti. Dall’adrenalina scaricata nel primo scatto, al non sentire nemmeno il respiro nell’inseguire un’avversaria. Ma soprattutto il poter aiutare le mie compagne in questa partita così ostica”.

Sei arrivata all’Union Fenice questa estate. Cosa ti ha spinto a compiere questa scelta?

“Ho scelto questa squadra per vari fattori. L’ambizione di non accontentarmi mai, di provare a raggiungere un obiettivo sempre più grande di me e di potermi mettere sempre in discussione. Poi la volontà di provare emozioni nuove e diverse da quelle che già avevo da questo sport. Infine un gruppo tutto nuovo, che potesse farmi crescere tecnicamente e caratterialmente”.

Com’è nato il tuo amore per il futsal?

“La mia passione c’è sempre stata, fin da piccolina, quando giocavo con i miei cuginetti a calcio dalla nonna. Dopo aver provato svariati sport, sono arrivata ai 17 anni in questa nuova dimensione grazie ad un’amica, che mi ha spinta a provare questo sport insieme a lei”.

Hai un sogno nel cassetto?

“Il mio sogno nel cassetto? Non esiste! Stare bene e realizzare quello che voglio mi basta”.

Valentina Pochesci