Union Fenice, Carollo: “A questo gruppo do un bel 7, domenica voglio una squadra agguerrita”

Siamo arrivati all’ultima partita stagionale. L’Union Fenice chiuderà il suo campionato contro la Noalese. Maria Carollo, nonostante il brutto infortunio dello scorso novembre è sempre al fianco della squadra. Proprio per questo, noi di LadyFutsal l’abbiamo sentita per farci raccontare il momento della squadra veneta.

Innanzitutto come stai?

“Io sto inaspettatamente bene, sto cercando di recuperare dall’infortunio al ginocchio. La rottura del crociato anteriore e menisco mediale (4 novembre 2018) mi ha letteralmente spezzata, però, dopo una prima fase di sconforto ho scelto di rimboccarmi le maniche e fare del mio meglio: che questa situazione potesse essere un’opportunità e non un ostacolo! Non è stato facile, mi manca giocare, mi manca il campo, l’adrenalina la trance agonistica. Ho scoperto di poter avere un nuovo ruolo in squadra, ho cercato di lavorare dietro le quinte per incoraggiare le mie compagne e fare ciò che potevo per rendermi utile a modo mio!”.

Ultima giornata contro la Noalese. Tu non sarai in campo, ma che partita vedremo?

“È l’ultima partita del campionato e soprattutto è un derby. Entrambe le squadre vogliono vincere e dimostrare qualcosa, ognuna per i propri motivi. Io sarò in tribuna a tifare la mia squadra come ogni domenica. Sarà l’ennesima battaglia ed il risultato è apertissimo”.

Che voto dai al vostro campionato? E’ stato quello che ti aspettavi?

“Al nostro campionato darei un 7, un avvio incoraggiante che ha poi lasciato il passo a prestazioni opache in cui abbiamo concesso troppo perdendo un po’ di lucidità, concentrazione e continuità. È stato un campionato decisamente lontano dalle mie aspettative, purtroppo non ho potuto dare il contributo che speravo. Siamo comunque riuscite a raggiungere un traguardo importante, la final four è stata una vetrina importante e l’abbiamo desiderata tanto”.

Che messaggio vuoi dare alle tue compagne in vista di questi ultimi sforzi stagionali?

“In vista della partita di domenica vorrei solo dire alla mia squadra di giocare come sappiamo fare, agguerrite e con il giusto approccio mentale. Deve essere soprattutto una festa per chiudere con il sorriso questa annata”.

Fabio Pochesci