Martedì scorso l’Unicusano Queens Tivoli è stato sconfitto dalla Coppa d’Oro in una gara combattutissima, ma non è certo la sconfitta a impensierì la presidente Maria Rita Rencricca. Due delle sue ragazze, Riana Nainggolan e Chiara Croce, durante la partita hanno rimediato bruttissimi infortuni che le terranno fuori dai campi per un bel po’.

Una situazione che naturalmente rappresenta un problema non di poco conto per l’Unicusano che, tramite la sua presidente, ha deciso di farsi sentire ai microfoni di Ladyfutsal.

Prima di tutto presidente, come stanno le ragazze?
“Mando un in bocca al lupo a Riana, che ne avrà per almeno un mese per l’infortunio alla spalla, e a Chiara: i tempi per lei saranno più lunghi perché l’infortunio ha interessato il ginocchio. Per quanto riguarda la gara di martedì, complimenti alla Coppa d’Oro perché è stata una delle più belle partite giocate finora: poteva uscire fuori qualsiasi risultato. E’ stata una gara spettacolare anche se un po’ troppo “maschia”. L’infortunio di Riana, così come quello di Chiara, ci taglia le gambe, perché abbiamo investito molto su di lei, è stato il nostro acquisto per eccellenza. Ha subìto un fallo in velocità e la conseguente caduta a terra ha peggiorato il danno”.

Cosa vuole dirci in merito?
“La nota dolente di queste giornate sono le terne arbitrali. Ci dicono che dobbiamo far crescere il movimento, e poi … Salendo di categoria ci si aspetta che gli arbitraggi siano migliori. Soltanto nella gara contro la Jasnagora c’è stato un arbitraggio degno di questo nome. Ho fatto tutte le categorie, dalla D alla A, e gli arbitraggi sono allo stesso livello della D. E’ veramente una situazione grave ed assurda. Nel futsal un contatto minimo dovrebbe essere fischiato, invece non viene sanzionato nulla. E’ un vortice in cui le ragazze in campo non vengono tutelate. Sono arbitri giovani e inesperti. La perdita di queste ragazze per noi è importante, il gruppo sopperirà alla loro mancanza ma il fallo subìto da Riana è stato davvero brutto: se fischiassero e dessero qualche cartellino giallo in più, queste situazioni si eviterebbero. Siamo davvero furiosi”.

Al di là di queste situazioni, un bilancio sulle prime gare?
“Positivo. Abbiamo il mister più giovane della Serie A, Gianluca Aliberti, molto preparato. Il nostro è un gruppo veramente ottimo, capitanato da Carlotta Salemi, Chiara Croce, Elena Angelelli, Riana… Insomma, tutte. Sono tutte bravissime ragazze. Volevo poi fare i complimenti a tutto lo staff tecnico, che è di primo livello: da Massimiliano Ciamaritano, il preparatore dei portieri, che sta facendo benissimo, a Matteo Maurizi a Massimiliano Ruggeri, il bravissimo fisioterapista, e tutti gli altri. Sono veramente orgogliosa di questa squadra”.

Com’è il morale in vista della prossima sfida con la Vis Fondi?
“Giochiamo con la capolista, adesso più che mai le ragazze sono unite per far forza a Riana e Chiara. Si scrivono in continuazione, scherzano per stemperare la tensione e la paura per questi gravi infortuni. Sono ancora più unite, se possibile: non hanno mai giocato insieme prima, e ora sono una piccola famiglia”.

Obiettivi e progetti?
“Noi facciamo tutto uno step per volta. Ora pensiamo al Fondi, a cui faccio i complimenti perché sta facendo un ottimo campionato”.

Vuole aggiungere qualcosa?
“Dico solo: più tutela per i patrimoni della società. Sono le giocatrici le protagoniste del futsal. La società è il contorno: le ragazze vanno tutelate, tutte, di tutte le categorie”.

Valentina Pochesci