Serata da cuori forti o forse dal palato fine, quella del Pala Don Bosco di ieri sera, per una partita (la terza del campionato nazionale sperimentale di Under 19) che resterà viva nella testa di tutti, vincitori e vinti, sempre che quest’ultimi ce ne siano ieri!

Certamente non portare a casa il risultato era stato messo ampiamente in conto dalla compagine biancorossa prima dell’inizio del match e, sicuramente, non lo è stato più durante: così fa male bisogna ammetterlo ma avevamo chiesto alcune cose alle nostre ragazze e lo hanno fatto alla perfezione fino a 6’14” dalla fine… E da questo il Perugia dovrà ripartire. 

La cronaca del match racconta di un Futsal Perugia che entra in campo senza timore, difende con attenzione, raddoppia e soprattutto riparte e fa male. 

Un uno-due di forza con Sofia Ercolani e Chiara Aquinardi a metà primo tempo porta in vantaggio le biancorosse. Giulia Ricottini para tutto, Giorgia Binaglia segna il territorio e toglie ogni riferimento alle avversarie e le ragazze che chiamate dalla panchina entrano dimostrandosi all’altezza. Primo tempo che finisce con un tiro libero fallito dalle avversarie e due gol per le grifoncelle. 

Si torna in campo, la Ternana si riorganizza e impone il proprio valore, 2-2 e sembra possa finire lì per Binaglia e compagne, ma non è assolutamente così. 

Mister Regnicoli gioca la carta Ricottini con il portiere di movimento e personalità, non c’è nulla da perdere, e Chiara Proietto prima, Giorgia Binaglia dopo, sorprendono Trumino con un 4 a 2 parziale. 

Mancano 6’14” e Angeletti e Bergamotta decidono che non deve finire così, le nostre calano e mollano un pochino: solo due partite ufficiali in cinque mesi hanno un peso, non tanto nelle gambe ma nella testa. 

Finisce 4-6, ma il Don Bosco applaude a scena aperta, e siamo certi che non sarà l’ultima volta! 

 

(fonte pagina facebook perugia)