La Società Ternana Calcio Femminile comunica di aver raggiunto l’accordo con il portiere della nazionale azzurra Maria Fontana Mascia per la prossima stagione 2016/2017. La giocatrice ex Napoli, Chieti e Portos ha vinto due scudetti negli ultimi cinque anni e ha difeso nell’ultimo appuntamento della nazionale italiana, in questo giugno da titolare, la porta azzurra. Si ringrazia la Penta Consulting per l’intermediazione.

“Erano alcune stagioni che volevo convincere Mascia nel venire a Terni e per alcune circostanze non siamo mai riusciti a concludere la trattativa – commenta il Direttore Generale Damiano Basile – adesso è arrivato il momento e ne sono molto felice. E’ una giocatrice che ha giocato tante finali e che è abituata a vincere, tasmette grinta e sicurezza, non mi scorderò mai la semifinale scudetto di Napoli quando sembrava un autentico robot in porta. Ha uno spirito Fere innato e per questo è stato il primo obiettivo per la nostra porta, siamo riusciti a centrarlo e di questo ne sono felicissimo.”
Tanti trofei vinti tra Napoli e Chieti, tante volte hai affrontato la Ternana da avversaria adesso ne difenderai la porta, felice di arrivare in rossoverde?
“Sono davvero felicissima di vestire una maglia importante come quella della Ternana. Rappresenta una delle squadre più importanti del campionato femminile e i trofei vinti in poco tempo ne sono una prova indelebile. Quando venivo a giocare da avversaria ammiravo l’atmosfera dei tifosi al Di Vittorio. Tutto questo non lascia indifferenti. La Ternana è il Top Club che volevo e la chiamata da parte della famiglia Basile è arrivata in un momento in cui non me lo aspettavo, ma non abbiamo tardato a trovare l’intesa migliore.”
Ti sei presa la titolarità della porta della nazionale azzurra, adesso quella delle Ferelle, un momento magico per te?
“Rispetto e stimo tanto chi mi ha preceduto e chi qui ha contribuito a vincere trofei importanti. Quello che posso dire è che metterò tutto il mio impegno, tutta la mia professionalità. Io però parto da zero, non guardo a chi c’era prima di me e a cosa ha fatto. La nazionale italiana può vantarsi di tutti i suoi portieri e ritengo che la sana concorrenza fa bene se questo porta alla progressione del ruolo in vista del primo vero appuntamento importante: il Mondiale femminile.”
Hai un rapporto particolare con lo scudetto, ne hai vinti due negli ultimi cinque anni quanto ti manca tornare a giocare una finalissima?
“Ogni titolo che ho vinto è nato dal sacrificio e dal lavoro, sia personale che collettivo. Ho avuto la fortuna di avere sempre compagne di squadra che hanno fatto tanti sacrifici e grazie a questo se come dici tu me ne sono cuciti sul petto 2 in 5 anni. Vincere uno scudetto è una emozione che non capita a tutte e io so cosa si prova. Comunque mi sono sempre comportata da professionista anche senza uno scudetto a portata di mano. Oggi ho scelto la Ternana perché voglio provare nuovamente a lottare per obiettivi importanti e so che vedere esultare tutti i nostri tifosi rossoverdi mi trasmetterebbe una gioia immensa.”

Tania Comanducci.