Decima vittoria stagionale per il Bisceglie Femminile che in terra marchigiana confeziona un prezioso 6-2 ai danni del Flaminia Fano in occasione della ventunesima giornata del campionato di Serie A.

Ventura deve fare a meno di Pezzolla e Gariuolo, ma recupera Pegue e Scommegna. Contro il roster di Alessandra Imbriani le nerazzurre faticano ad inizio gara a trovare il varco giusto per fare male. Serve un autogol dell’estremo di casa Faccani per sbloccare il risultato. Vantaggio che dura quattro minuti, visto che Marina Bonito supera Oselame ristabilendo la parità. Nicoletti e compagne non si scompongono e con Cintia Pereria trovano il nuovo vantaggio che consente alle biscegliesi di tornare negli spogliatoi avanti 2-1.

La ripresa parte sulla falsariga dell’avvio del match con il risultato che varia dopo aver scollinato l’ultimo quarto di gara. Ci pensa ancora Pereira, tra l’11’ ed il 13’, a siglare due reti che valgono la tripletta personale di giornata per la brasiliana che sale a quota 11 gol in campionato.

Sul 4-1 la forbice si fa troppo ampia per essere recuperata dalle marchigiane, al contrario il Bisceglie fa cinquina con Buzignani per la rete personale numero 15 in stagione. Nel finale di gara c’è gloria anche per Rebecca Pati, prima della rete di Grecia per le padrone di casa che cristallizza il risultato sul 6-2 finale in favore del Bisceglie Femminile.

I passi falsi di Breganze e Grisignano consentono al sodalizio presieduto da Milly Lovero di rimanere da solo in settima posizione con 32 punti. Domenica prossima, 10 marzo ore 17, al PalaDolmen altro match importantissimo contro il Città di Falconara.

 

(fonte ufficio stampa bisceglie)