Avevano promesso un grande prestazione e così è stato. Le leonesse di Marcio Santos dopo la battuta d’arresto contro la corazzata Falconara hanno avuto da subito la chance di regalare al numerosissimo pubblico del PalaPansini la prima storica vittoria in serie A. E sono state di parola: non solo vittoria ma anche giocate spettacolari, pali, traverse.

PRIMO TEMPO – E che il Bitonto era determinato lo si è capito subito. Pronti via ed in meno di 3 minuti va sul 2-0 prima con un tap-in di Taina Santos su diagonale dalla destra di Diana Santos la quale poi si è messa in proprio e, recuperato un pallone a centrocampo, ha fatto partire una saetta all’incrocio dei pali che ha lasciato immobile Marcelli. Il Bitonto non si è fermato e ha continuato ad attaccare seppur con minor veemenza rispetto ai primi minuti conquistando azioni dapprima con Pezzolla (parata del portiere) e poi con un palo pieno di Taina su grande triangolazione con la stessa atleta di Trinitapoli. A metà del tempo la riduzione del ritmo delle locali ha favorito la risalita del Padova che prima ha ridotto le distanze con Rubal e poi ha rischiato di pareggiare con la stessa Rubal che si è vista, però, deviare il pallone da un prodigioso intervento di piedi, da Gabi Tardelli, al suo esordio stagionale. La reazione del Padova si è esaurita in queste due azioni perché Luciléia ha iniziato a gestire il pallone come solo lei sa fare e Taina ha continuato a dare spettacolo colpendo la traversa con un colpo di tacco a un metro dalla linea di porta. Il tempo si è chiuso con un palo interno colpito da Pezzolla su tiro libero conquistato da una indiavolata Taina Santos.

SECONDO TEMPO – La ripresa è stata uno show del Bitonto che ha controllato la partita chiudendo con un parziale di tempo di 5 a 0 e con protagonista assoluta Carolina Cenedese con una tripletta: ha iniziato dopo pochi secondi su azione d’angolo battuto da Diana Santos (secondo assist di giornata per lei) con un tiro sul secondo palo che ha sorpreso Marcelli. Al settimo minuto Chiara Pernazza ha completato la sua giornata di festa personale (prima della partita ha ricevuto il premio di MVP del mese di ottobre) con un diagonale a fil di palo imparabile su assist di Loth (anche per lei esordio stagionale). L’olandese poco dopo ha anche salvato un gol sulla linea su azione di contropiede patavino che si era completato con un altro grande intervento di Tardelli. Al 12’ l’azione più bella di tutta la partita. Taina Santos si invola con una delle sue tipiche azioni sulla sinistra, con una bicicletta si beve Lidya Silva che provava a contrastarla, quindi con l’esterno destro disegna un lob morbido sul secondo palo che supera la difesa del Padova e trova pronta Cenedese che mette in porta di testa. Applausi e ovazione del pubblico. Al 14 classica azione bitontina con Diana Santos che allarga in banda destra a Cenedese, passaggio centrale per Luciléia che controlla, attira su di sé tutta la squadra avversaria e lancia verso la porta la stessa Cenedese che fa esplodere un diagonale d’esterno sinistro che lascia ancora immobile il portiere avversario. A un minuto dalla fine, gloria anche per Filomena Othmani che non paga ancora del risultato, va in pressing, conquista il pallone e di forza batte per la settima volta Marcelli. Un grande Bitonto che ha chiuso la giornata sotto la curva degli ultras per un coro che ha commosso tutto il roster di Marcio Santos e con decine di selfie che il pubblico ha chiesto alle loro nuove eroine. Con questa vittoria il Bitonto sale al 6° posto e domenica andrà a far visita al Kick Off.

Ufficio Stampa Bitonto