Una vita a Roma nel suo Bachelet, poi il salto di qualità nella Ternana. Francesca Madonna, per gli amici “Chicca” oggi gioca nel CLT Terni, primo in classifica nella C umbra a pari-merito con la Grifo Perugia. E proprio venerdì sera ci sarà il big match tra le due forze del campionato in un match che si preannuncia entusiasmante:

“E’ una partita sentita sia per la posizione in campionato che per la rivalità sportiva tra le due città – racconta Madonna. All’andata è finita 3-3, loro sono un’ottima squadra e sono sicura che sarà comunque un match spettacolare”.

Perché sei tornata in serie C?

“A marzo ho lasciato la Ternana un po’ per motivi lavorativi un po’ perché non avevo più molti stimoli. Volevo smettere, a dire la verità. Poi ho trovato il CLT Terni e ho ricominciato a divertirmi e a togliermi delle piccole soddisfazioni. Qui ci sono tutte ragazze che lavorano, come me, tutte facciamo sacrifici e ci muove la stessa passione per questo sport. Mi trovo benissimo e ho ritrovato la mia isola felice, così come lo era il Bachelet”.

Avete alzato la coppa umbra e ora, per i sedicesimi di finale, troverete il Real Balduina… un po’ di emozione?

“L’emozione sarà tanta perché nel Real ci sono persone con cui mi sento tutt’ora, soprattutto Maria Lucarelli. Ma anche Antonella Carta e Giorgia Paolantoni. Ci andiamo a giocare una qualificazione importante per le fasi finali di coppa Italia e saranno due partite toste dal primo all’ultimo minuto”.

Che partite ti aspetti?

“Credo che saranno due gare agonisticamente “cattive” ma per questo anche molto corrette . In serie C il futsal lo muove la passione e tra le due squadre c’è molto rispetto. Chi marcherò? Io posso giocare o centrale o laterale: da una parte mi preoccupa Maria, dall’altra Antonella. Stavolta, come vado, vado male”.

Serena Cerracchio