Un derby così non si vedeva da tempo, a Roma. Grandi giocate, di qualità, ma anche senso tattico e intelligenza. Traverse spettacolari (come quella di Maite dalla propria metà campo), una gara giocata sul filo di lana, anche se nei primi 20 minuti la Lazio aveva fatto “paura”, andando a riposo sul 3-0 grazie alle reti di Agnello, Luciléia e Luisa.

Poi la “remuntada” con la doppietta di Taina e la “puntazza” di Pomposelli. Ma guai a pensare che fosse finita. Neanche il tempo di esultare per la squadra di casa, che Rebe riporta in vantaggio la Lazio. E allora prima la rete di Salinetti direttamente dalla propria porta, poi quelle di Lisi e Dayane chiudono definitivamente l’incontro sul 6-4. Un plauso a entrambe, un derby giocato a viso aperto che ha dato spettacolo. Bravi tutti, this is futsal.

Taina 8 – Passano appena 16 secondi dal fischio della ripresa, che scuote il suo Olimpus accorciando le distanze. Dopo appena due minuti, si ripete, stavolta con un tiro forte quasi da centrocampo che (causa anche una piccola deviazione), batte Nagy per la seconda volta. Si prende la squadra sulle spalle.

Luciléia 7.5 – Nel primo tempo è una furia, corre e imposta, difende e scardina palloni dai piedi delle sue ex compagne. Il terzo gol, poi, è di pregevole fattura. Una garanzia per la squadra biancoceleste, purtroppo esce per infortunio al ginocchio nei minuti finali del secondo tempo.

Salinetti 7 – Di solito quando il portiere segna è gioia doppia. Lo è certamente in questo caso perché regala all’Olimpus il momentaneo pareggio sul 4-4. Era entrata nel primo tempo al posto di Giustiniani, di certo, non l’ha fatta rimpiangere. Interventi importanti.

Lisi 7 – Un po come in Supercoppa. La prova generale la fa già nel primo tempo, ma il suo tiro si spegne a lato di Nagy. E allora ci riprova nella ripresa, nel momento più delicato dell’incontro trovando il primo vantaggio per l’Olimpus che vale il 5-4 e che probabilmente spezza le gambe alle biancocelesti. Decisiva, concreta, come sempre.

Luisa 7 – Con Luciléia si trova a meraviglia, segna anche il suo secondo gol consecutivo. Si vede che ha ancora bisogno di un po di tempo per entrare al meglio negli schemi di Chilelli, ma i segnali sono buoni.

S. Cer.