Un pareggio spettacolare quello tra la Lazio e il Montesilvano. Le abruzzesi sprecano il doppio vantaggio arrivato con Silvetti dopo pochi secondi e con l’acrobazia di Amparo che da sola vale un otto. Le biancocelesti si svegliano a metà del secondo tempo e Rebe segna la sua doppietta personale. Nel finale Vecchione si fa perdonare il gol sotto le gambe preso in precedenza e si conquista un posto nella top five.

Amparo 8,5 – Un’acrobazia che vale l’applauso di tutto il Palagems e la seconda rete del Montesilvano dopo quella di Silvetti. Che sia una fuoriclasse è fuori dubbio ormai, completa e matura, capace di reggere la squadra abruzzese in difesa e di ripartire con la sua arma migliore, la velocità.

Rebe 8 – Si carica la Lazio sulle spalle e, con la sua squadra sotto di due reti, ne trova altrettante portando le biancocelesti al pareggio. Il primo gol arriva grazie a un perfetto assist di Patri Jornet, il secondo di caparbietà, brava a ribadire in rete su palla non trattenuta da Ghanfili.

Angela Vecchione 8 – Nel secondo tempo si supera tenendo a galla la Lazio con degli interventi da gran portiere. Prima su Ortega, poi su Amparo. E la fortuna, poi si sa, aiuta gli audaci. Così, anche nell’unica azione in cui Vecchione non arriverebbe, è Guidotti a tirare fuori da due passi. Prestazione da otto.

Guidotti 7 – Si mangia un gol clamoroso a porta vuota ma in difesa è impeccabile, il solito mastino del Montesilvano, capitano tutto d’un pezzo.

Ersilia D’Incecco 7 – L’ex capitano delle abruzzesi corre, smista e ci prova da fuori area. Non è mai facile giocare contro la propria squadra ma la biancoceleste da tutto, come sempre.  Non molla mai.

Serena Cerracchio