Tonia Di Turi, nata a Conversano il 4 dicembre 1986, è una nuova giocatrice della S.S. Lazio C5. La sua storia sportiva si divide fra Martina Franca, Terni, Roma e Montesilvano. Nella capitale giocò sei mesi con la maglia de L’Acquedotto, prima di trasferirsi in terra abruzzese. Per lei, dunque, è una sorta di ritorno: “Ho chiuso la mia parentesi al Montesilvano, società che ringrazio per tutto quello che mi ha dato in questi anni – racconta Tonia -. Mi metto alle spalle un anno importante per il risultato sportivo, vincere è sempre bello, specialmente lo Scudetto, ma non avendo trovato molto spazio in campo spero di rimettermi in gioco da questo punto di vista. Non è mai facile giocare poco, ho una grande voglia di dimostrare di potermi ritagliare il mio spazio”.

Dal suo periodo a L’Acquedotto tante cose sono cambiate, ma non lo spirito di un gruppo che è rimasto intatto nel corso degli anni: “Quando mi è stata palesata l’occasione di far di nuovo parte di questo gruppo non ho avuto dubbi. Conosco questa realtà nella quale sono già stata benissimo in passato e sono certa che le cose non cambieranno”. Mister Chilelli ha in Di Turi un suo storico pallino: “Sicuramente ha dimostrato di aver fiducia nelle mie qualità. Anche in passato non voleva che andassi via: spero di ripagare tutta questa stima”. Ma alla fine sarà sempre il campo a parlare, per i singoli, per il gruppo e per gli obiettivo: “Questa squadra può lottare per i vertici. Il roster si è rinforzato rispetto al passato: abbiamo tutte le carte in regola per arrivare lì in alto”.

S.S. Lazio Calcio a 5 – Ufficio Stampa.