La Sportland Milano domenica scorsa ha battezzato l’esordio ufficiale nella serie A2 soccombendo 3-1 nel primo round del triangolare di coppa Italia contro l’altra matricola Duomo Chieri. Ora per la Sportland riflettori puntati sul debutto in campionato di domenica 7 al palazzetto di Cornaredo (ore 17) contro le quotate veneziane de La Fenice.
Come è stato il debutto nella categoria nazionale?
“Come ce lo aspettavamo – ha spiegato il capitano Camilla Cardoso – perché il Duomo Chieri è un ottimo collettivo, con tante giovani di qualità che corrono molto. E la fisicità, oltre che la migliore tecnica individuale è un aspetto fondamentale e predominante rispetto al campionato regionale, anche perché con il tempo effettivo le gare durano di più. E gli arbitri lasciano molto più giocare nel nazionale, per cui anche i contrasti sono molto più duri. Comunque sono soddisfatta della prestazione della squadra, perché abbiamo lottato fino all’ultimo. Peccato per i due gol decisivi presi nel finale, entrambi molto simili, nei quali purtroppo non abbiamo seguito a dovere i loro tagli, come peraltro già capitato anche altre volte in questa gara. Questo dimostra che dobbiamo migliorare anche di testa perché in questa categoria si gioca molto con gli scambi uno-due in velocità e con i tagli.”
Qual è l’obiettivo stagionale?
“Restare nella categoria nazionale è l’obiettivo della società. Ma sono convinta e penso sia l’opinione anche delle mie compagne, che con l’organico al completo siamo in grado di puntare a un piazzamento a metà classifica.”
Come vedi il debutto domenica in campionato?
“Dopo aver perso la prima partita in coppa vogliamo riscattarsi. Però ci aspetta un’altra battaglia, perché La Fenice è considerata una delle squadre più forti del girone e dunque dobbiamo dare sempre il cento per cento per sperare di ottenere un risultato positivo.”

Rinaldo Badini -Ufficio Stampa Sportland Femminile