Abbiamo provato a tracciare i possibili equilibri di forza nei quattro raggruppamenti della categoria. Spinoso il Girone D dove è davvero difficile identificare fin d’ora una potenza capace di segnare il passo sulle altre.

Nel Girone A sarà forse corsa a due. Nel B l’esperienza se la vedrà con la novità. Nel Girone C saranno le conferme a fare la differenza?

Girone A. L’Audace pare la formazione più solida, anche sotto un punto di vista Societario, cresciuta un passo alla volta e ormai pronta al grande salto. Attenzione alla rinnovata Vip Altamarca che segna il ritorno in panchina nel femminile di mister Zanetti con innesti di esperienza reduci da Breganze e Noalese. Tra le sarde, da non sottovalutare lo Jasnagora.

Girone B. L’esperienza e lo stare insieme di Sabina Lazio e Chiaravalle se la dovranno vedere con Firenze e il rinnovato Perugia. A fare la differenza in questo raggruppamento potrebbero essere diversi fattori: il fatto di avere un gruppo consolidato nel tempo, l’idea di aver inserito poche ma preziose pedine a rafforzare un organico capace di lottare. Attenzione alle sorprese!

Girone C. Anche qui, molte squadre hanno puntato forte sulle conferme. Best, Fondi, FB5, BRC 1996, Frosinone Futsal, Coppa D’Oro, Ciampino. Tra le neopromosse attenzione al Progetto Futsal che nella scorsa stagione ha sbaragliato il campionato di Serie C.

Girone D. Forse è quello più incerto di tutti. Napoli, Taranto, Irpinia, Molfetta… Che altro dire? Ci sono poi le nuove New Cap 74, Scaletta, ecc. E poi c’è il CUS Cosenza… Difficile immaginare un equilibrio o una tendenza marcata. Dovremo aspettare le prime battute del campionato per capire se qualcuno prenderà il largo.