Nella 3a Giornata di Ritorno del Girone D, la Salernitana Femminile ottiene un prezioso successo esterno, andando a sbancare il BelleVue del Città Di Taranto con il risultato di 3-2, che racconta di un incontro equilibrato e tenuto in piedi dalla tarantine fino all’ultimo respiro.

Un match dai due volti, con la Salernitana che è stata assoluta padrone del campo nei primi 20 effettivi, per poi, complicarsi la vita nel finale di secondo tempo, quando le padroni di casa hanno prima rimontato due reti, e poi sfiorato un clamoroso pareggio, non concretizzatosi grazie a due super interventi di una Raffaella Di Bello in versione saracinesca.

Le reti granata portano la firma di Erika Linza, decisiva con una doppietta, e Lucia Capolupo, classe 2002 al suo secondo centro in stagione: due tra le migliori in campo per la compagine di mister Mainenti, alla seconda vittoria consecutiva in campionato.

LA CRONACA

Prima frazione di gioco a forti tinte granata. Dopo un inizio in sordina, dovuto anche all’atteggiamento attendista delle rossoblù, la Salernitana passa al 6’ in vantaggio, con una bella conclusione di Erika Linza che si piazza sotto la traversa, su cui Cordaro non può nulla. Il Taranto cerca spesso il lancio lungo dalla propria aerea, soluzione che mette qualche grattacapo alla difesa granata, che con le buone e con le cattive riesce comunque a risolvere.

Sono le granata a fare la partita, e prima del raddoppio firmato Lucia Capolupo, sia Pisani con un palo, e poi Diodato e D’Angelo erano andate vicinissime alla rete.

Nella ripresa la partita cambia completamente registro, sia dal punto di vista emozionale che sullo spettacolo prettamente calcettistico. Erika Linza è in giornata, e si nota: prima con un gioco di prestigio, spalle alla porta, coglie una clamorosa traversa, tra gli occhi increduli dei tanti supporters granata, poi sigla la sua personale doppietta, con un destro alla sinistra di Cordaro. Ed è proprio qui che cambia il match: la numero 18 granata, già ammonita, viene espulsa, rea di aver esultato in modo eccessivo sotto la curva tarantina.

Il Taranto prende coraggio, e inizia ad impensierire con Giliberto e Conversa la difesa granata. Di Bello risponde presente, ed annienta tutti i tentativi delle padroni di casa di riaprire il match. Ci pensa però a sette dalla fine Conversa, che con un preciso fendente, dagli sviluppi di un calcio d’angolo, fulmina il portiere granata. La Salernitana accusa il colpo, anche se ha con D’Angelo e Iannaccone due buone occasioni di riportarsi sul triplo vantaggio. A 4’ minuti dal termine, la terna arbitrale estrae il secondo cartellino rosso di giornata, stavolta a capitan Diodato, che commette il sesto fallo e becca la sua seconda ammonizione. Sul tiro libero susseguente, Iaia sigla il 2-3, costringendo le granata ad ultimi minuti di sofferenza. Il Taranto ci crede, e per ben due volte va vicinissimo al pari: super Di Bello c’è, salvando il risultato due volte su Giliberto, facendo svanire sul più bello la rimonta tarantina.

TABELLINO DEL MATCH

CITTA’ D TARANTO – SALERNITANA FEMMINILE 2-3(0-2 p.t)

CITTA’ DI TARANTO: Cordaro, Giliberto, Conserva, Buonsanti, Lacaita

D’Ippolito, Iaia, Cardolini, Di Gioia, Gaudio. All. Liotino

SALERNITANA FEMMINILE: Di Bello, D’Angelo, Diodato, Iannaccone, Linza

Del Gaizo, Pisani, Castagnozzi, Capolupo, Pecoraro, Ierardi, Borrelli. All. Mainenti

MARCATRICI: 6’11’’p.t. Linza(S), 14’ p.t. Capolupo(S), 3’01’’s.t. Linza(S), 13’30’’s.t. Conversa(T), 16’07’’s.t. Iaia(T)

AMMONITE: Giliberto(T), Capolupo(S)

ESPULSE: Linza(S), Diodato(S)

ARBITRI: Antonella Maglietta(Bari), Vito Matera(Molfetta). CRONO: Carlo Girone(Taranto).

Marco Grillo – Ufficio Stampa Salernitana Femminile