Sabato è arrivata una bella vittoria per la Salernitana, che ha battuto 4-2 l’Unicusano Queens Tivoli. Mattatrice del match Antonella D’Angelo, che con una bellissima tripletta ha trascinato la squadra granata al successo. Fa ancora più sensazione sapere che Antonella rientrava proprio sabato dopo un mese di stop: quale modo migliore per festeggiare?

In questa intervista concessa in esclusiva a Ladyfutsal Antonella, arrivata quest’anno dalla Woman Napoli, traccia un bilancio del suo percorso alla Salernitana fin qui: le sue parole sono ricche di gratitudine e passione.

Ciao Antonella! Appena rientrata da un infortunio trascini alla vittoria la tua squadra con una tripletta: meglio di così!
“È stata una prestazione alquanto inaspettata visto le mie condizioni fisiche, che mi hanno costretta per un mese a stare fuori dalla rosa. Per quanto riguarda la partita, sappiamo che ogni gara è importante e che l’avversario non deve essere mai sottovalutato. Loro si sono presentate bene e hanno retto il confronto. Noi eravamo decise più che mai a prenderci I tre punti”.

Prossima gara con il Borussia: che partita ti aspetti?
“Lavoriamo come sempre, determinate e volenterose di dimostrare il reale peso che può avere la nostra squadra, finora altalenante, all’interno del campionato. Abbiamo voglia di concretizzare tutto il lavoro che con sacrificio stiamo costruendo da agosto. Ce la metteremo tutta”.

Un piccolo bilancio di questi mesi: come ti trovi alla Salernitana?
“Se devo tirare le somme ad oggi, senza che neppure il girone di andata sia finito, ti dico che è una società ed una squadra che mi sta rendendo tanto dal punto di vista di emozioni e stimoli. Sono persone fantastiche che meritano tanto, ecco perché ho fatto di tutto per anticipare il mio ritorno. Avevo bisogno che sapessero che su di me potevano e dovevano contare. Senza tralasciare l’enorme stima che ho del mio allenatore Taffarel che ho imparato ad apprezzare nei diversi anni di incontri da avversari, e che ad oggi con tanta pazienza sta cercando di limare i diversi spigoli presenti in squadra, soprattutto i miei. Grazie Mister”.

Antonella, quali sono i tuoi obiettivi?
“Giocare e divertirmi e nel frattempo crescere. Arrivare dove mi è possibile, senza sconti né illusioni, da persona umile che ancora ad oggi spende gran parte del suo tempo a cercare di tramandare la stessa caparbietà e passione ai bambini della scuola calcio del piccolo paese in cui vive. Ovunque la mia carriera mi porterà, sarò certa di avere la stessa voglia e lo stesso impeto di sempre, facendo tesoro di tutte le esperienze accumulate nel corso degli ultimi anni”.

Valentina Pochesci