Si chiude con un pareggio nel derby contro il San Marino per 3-3 la regular season della Virtus Romagna, che ora può dedicare mente e corpo unicamente ai playoff che avranno inizio domenica 22 maggio al Flaminio contro l’Arzachena.

Quello con San Marino è stato un derby vero, un match teso e combattuto dall’inizio alla fine, in un campo dalle dimensioni particolarmente ridotte dove le padrone di casa hanno costruito con tenacia la propria salvezza perdendo in due sole occasioni. Le virtussine vanno immediatamente in vantaggio con capitan Mencaccini, ma dopo l’1-0 inizia una fase di studio, dove faticano a trovare le misure e gli spazi per giocare il proprio futsal. Il San Marino ne approfitta e prima impatta sull’1-1 e poi costruiscono il gol del momentaneo vantaggio. Le padrone di casa giocano una partita ad alta intensità in fase di pressione, mandando in difficoltà le ragazze di Imbriani. Nella ripresa Mencaccini trova nuovamente il gol su punizione, riportando la situazione in equilibrio. Un equilibrio però che non dura molto, ma al gol del 3-2 del San Marino risponde prontamente De Oliveira chiudendo così la sfida sul definitivo 3-3.

Al termine dell’incontro hanno parlato capitan Martina Mencaccini e la coach Alessandra Imbriani, analizzando la stagione disputata sin qui dalla Virtus con un occhio ovviamente rivolto verso gli imminenti playoff. “Ci tengo a ringraziare tutte le giocatrici per la grande stagione che hanno disputato”, ha commentato Imbriani: “È stata una regular season fantastica”.

Mencaccini fa eco alla coach, partendo proprio da quest’ultima giornata: “È stata una partita in cui abbiamo cercato di portare sul campo tutto ciò per il quale lavoriamo in settimana, al di là del risultato per noi questa è stata una partita di crescita per migliorare dal punto di vista mentale, tecnico e tattico. Sapevamo che sarebbe stata difficile su un campo così piccolo, contro una squadra aggressiva che aveva bisogno di punti per assicurarsi la salvezza, ma noi abbiamo fatto una buona partita che ci offre spunti sui quali lavorare”. Ma ora Martina e compagne hanno in testa solo i playoff: “Adesso arriva il bello, la squadra sta bene, c’è un clima sereno, tranquillo e stimolante all’interno della squadra. Il nostro sogno è arrivare il 5 giugno a Salsomaggiore ma dobbiamo procedere per step, partendo dal primo turno del 22 maggio”. Perché inizia una fase nuova della stagione, tutta da vivere, come puntualizza coach Imbriani: “Inizia una nuova avventura, i playoff sono qualcosa di diverso, come se fosse un campionato a parte. Ma questo gruppo ha sempre intrepretato al meglio cosa vuol dire essere squadra, con unione, forza e grandissima coesione: elementi che ti permettono di andare lontano, di superare le difficoltà e di crescere”. E per arrivare qui dov’è oggi la Virtus è dovuta andare oltre ostacoli importanti, sottolinea l’allenatrice: “Abbiamo superato momenti particolarmente difficili, ma grazie al mio staff, alla società, ai dirigenti e, soprattutto, alle giocatrici, siamo riuscite a riprendere la rotta corretta. Il nostro è un campionato che sin qui mi riempie di soddisfazione, siamo arrivate seconde dietro il VIP Tombolo che è una squadra irraggiungibile ed essere state le uniche ad averle battute in stagione ci deve rendere tutte particolarmente orgogliose”. Mencaccini inoltre aggiunge: “Questo è un gruppo forte che è cresciuto tanto e che continua a farlo, personalmente sono molto contenta e adesso siamo pronte a provarci fino all’ultimo”. L’ultima parola spetta alla coach che carica l’ambiente virtussino: “Ora non poniamoci limiti e andiamo avanti per la nostra strada”.

Michelangelo Bachetti
Ufficio Stampa Virtus Romagna