Ultima di campionato per la Virtus Romagna, che si prepara ad affrontare fuori casa il Chiaravalle in una partita che vuol dire tantissimo: in caso di vittoria e di sconfitta del Tiki Taka, le virtussine potrebbero festeggiare la promozione in Serie A.

IMBRIANI – Ma non andiamo troppo in là con i pensieri e concentriamoci su questa partita, una sfida delicatissima contro un’avversaria di grande valore. La coach della Virtus Imbriani commenta: “Non è una cosa da poco giocare l’ultima partita di un campionato in questo contesto, non possiamo darlo per scontato. Il protocollo anti-Covid ci ha dato delle direttive molto rigide da seguire e giocare tutto un anno senza pubblico è stata durissima. Ma ora ci siamo e dobbiamo essere pronte a chiudere al meglio: in un momento come quello che il mondo intero sta vivendo, è qualcosa di bellissimo aver potuto giocare e possiamo solo che essere fiere di ciò che siamo riuscite a fare”. Imbriani, poi prosegue riflettendo anche su quella che è stata la stagione sin qui della sua squadra, fra alti e fisiologici bassi: “Quest’ultima partita per noi può ancora voler dire tanto, ci sono stati momenti difficili durante questa stagione ma siamo sempre riuscite ad alzarci a ogni scossone, ripartendo sempre con la grinta giusta. Abbiamo avuto la fortuna e la bravura di poter spesso contare su un gruppo compatto, unito. In un campionato è difficile seguire un percorso lineare senza intoppi e anche per noi ci sono stati momenti di smarrimento e grossa fatica, ma lavorando sempre con lo spirito giusto siamo state in grado di fare un grande percorso. Contro il Chiaravalle giochiamo sempre delle belle partite, combattute, emozionanti: ma domenica vogliamo festeggiare qualcosa di importante. Poi andrà come andrà, al triplice fischio noi saremo comunque soddisfatte e grate”. Infine, l’allenatrice delle romagnole riflette anche sull’importanza che l’impegno di domani contro il Chiaravalle assume anche in vista dell’inizio delle Final Eight di Coppa Italia, che iniziano venerdì prossimo. “Domani è anche l’ultima partita prima delle Final Eight, finalmente ci siamo. Per questo sarà un test importante anche per capire come stiamo, a livello fisico e mentale. Dobbiamo prepararci a un ultimo grande sforzo, dove saranno cruciali ritmo, intensità, precisione e la forza del gruppo”.


Michelangelo Bachetti
Ufficio Stampa Femminile Virtus Romagna