Arriva la prima sconfitta stagionale per la Virtus Romagna, che sul campo della capolista Atletico Foligno perde per 4-2 al termine di una partita combattuta e sentita da parte di entrambe le formazioni.

LA GARA – Fatali gli ultimi minuti del match per le giocatrici di Imbriani che, dopo aver raggiunto le avversarie sul pari per ben due volte, sono autrici di un paio di errori che crudelmente consegnano la vittoria alle umbre. Per le virtussine, durante l’arco della sfida, c’è stato anche un momento di grande spavento dovuto all’infortunio subito da Isabella Carta che fortunatamente ora sta meglio. La Virtus è ovviamente già sintonizzata sulle frequenze della prossima giornata, quando affronterà al PalaFlaminio la Salernitana: un match vitale per riscattarsi che, però, presenta già delle difficoltà importanti, come l’assenza di Mancarella espulsa contro il Foligno a 7 minuti dal triplice fischio.

BERTI – A parlare, al termine della sconfitta del PalaPaternesi, è Sara Berti, che in queste prime giornate di assenza di Mencaccini sta vestendo la fascia da capitano: “Una sconfitta non è mai facile da digerire, ma fa parte del gioco”. Dopodiché aggiunge: “Abbiamo sicuramente sofferto nel primo tempo la fisicità e la velocità delle avversarie, che sono entrate in campo con maggiore convinzione rispetto a noi. Poi, nel secondo tempo, abbiamo avuto una buona reazione, raggiungendo il pareggio per due volte. Ma nel finale, tra errori individuali e decisioni arbitrarie discutibili, il Foligno è riuscito a ribaltarla nuovamente”. Sara, essendo una delle giocatrici con maggiore esperienza della squadra, segna infine la via per le prossime sfide: “Naturalmente c’è dispiacere, ma siamo un gruppo con diversi innesti nuovi, che sta cercando di trovare un’identità propria. Penso che abbiamo dei grandi margini di miglioramento e un campionato davanti per migliorare e crescere tutte insieme”.


Michelangelo Bachetti
Ufficio Stampa Femminile Virtus Romagna