In cima alla classifica si scrive Futsal Salinis, ma (partite alla pari) dovrebbe leggersi Real Statte. Le campionesse d’Italia hanno già anticipato la dodicesima giornata (6-1 al Noci, ndr) e stazionano al primo posto, in vantaggio di un punto rispetto alle rossoblu. Chiamate dunque a rispondere. Per lo Statte, però, non sarà semplice chiudere in testa il girone d’andata. Come ci ricorda Matilde Russo, tra le pugliesi e i tre punti si frapporranno prima la Kick-Off e poi il Falconara: “Sono due squadre che sicuramente ci daranno del filo da torcere. È un momento cruciale della stagione. La Kick-Off sta risalendo in classifica, mentre quella di Falconara sarà una trasferta impegnativa. Entrambe sono sotto di noi in campionato e vorranno batterci, dovremo giocare al massimo per poter chiudere al meglio questo 2019”.

Kick-Off, Falconara, e non solo: “È giusto ricordare che ci sarà un’altra partita importante come quella col Bisceglie. Non dobbiamo sottovalutare nessuna di queste sfide”. Però il Real Statte sembra aver compiuto quel salto di qualità mancato nella passata stagione: “La società ha costruito una squadra di grande valore, dove anche noi giovani stiamo crescendo giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento. Dobbiamo continuare su questa strada”. Ma cos’è cambiato rispetto allo scorso campionato?: “Sicuramente è cambiata la nostra determinazione, vogliamo conquistare un trofeo sia per i 25 anni della società che per noi stesse. La rosa è stata rinforzata, ma non è una novità perché da quando la società ha sposato questo progetto è cresciuta di anno in anno”.

E Russo è cresciuta di pari passo con lo Statte. Otto anni, dal settore giovanile alla prima squadra indossando sempre la stessa maglia: “Ormai per me è una seconda pelle. Devo dire grazie alla passione che la società è in grado di trasmettere, passione che voglio ripagare nel miglior modo possibile. Sono arrivata nella mia Statte che ero poco più di una ragazzina, ora sono una ragazza che sta acquisendo maturità”. Matilde deve tanto al calcio a 5: “Sono contenta di quello che ho fatto in questi otto anni perché il futsal è sicuramente un lato importante della mia vita. Giocare a calcio a cinque rappresenta anche una possibilità di crescita morale, mentale, fisica e all’interno della comunità. Il Real Statte mi sta dando tanto, ma sono convinta di poter migliorare ancora”.

A proposito di miglioramenti, Russo ha stilato un bilancio di questa sua prima parte di stagione: “Al momento sono parzialmente soddisfatta di quanto ho fatto. Siamo solo all’inizio, e sto ancora cercando di capire come poter contribuire maggiormente all’economia della squadra. Ho giocato alcuni spezzoni di partita e quando sono stata chiamata in causa ho dato tutto. In futuro spero di poter aumentare il mio apporto a questo gruppo fantastico che è stato costruito, e per il quale voglio dare di più”. Matilde, giovanissima classe ’97, sa bene in cosa deve crescere: “Devo riuscire a gestire meglio le emozioni, così da poter avere un maggior impatto quando entro a partita in corso”. E, perché no, decidere anche sfide importanti come quelle contro Kick-Off e Falconara. Per vincere il Real Statte avrà bisogno anche dell’aiuto delle sue giovani, specie se così legate alla loro seconda pelle.