La Lazio C5 Global apprende con grande indignazione la decisione della Divisione Calcio a 5 di posticipare di un’ora la gara tra Pescara e Falconara di domenica pomeriggio. Una decisione arrivata dopo che per una settimana è stato messo in atto un confronto continuo con i consiglieri Stefano Salviati e Umberto Ferrini, che si sono costantemente barricati dietro il comunicato numero 1, che impone la contemporaneità delle ultime due giornate di campionato, per impedire lo spostamento della gara del team biancoceleste contro il Granzette. Una chiusura che ha reso inutile la disponibilità della Lazio a cambiare il giorno (sabato pomeriggio) per permettere al Granzette di avere un giorno in più di riposo, in vista della lunga trasferta di Fiano Romano e dell’imminente partenza per Bisceglie per la Final Eight di Coppa Italia. Un diniego che costringerà i nostri avversari a un vero e proprio tour de force nel giro di pochi giorni. Senza contare che 11 società su 12 si erano dimostrate favorevoli alla non contemporaneità delle gare, proprio per garantire una maggiore preparazione per la Final Eight di Coppa che, è bene sottolinearlo, rappresenta un appuntamento importante non solo per i club, ma anche per tutto il movimento nazionale e per la Divisione stessa. Come detto, però, il comunicato numero 1136 impone lo spostamento della sola gara tra Pescara e Falconara, rendendo a questo punto l’intoccabile, almeno fino a questa mattina, comunicato numero 1 totalmente inutile.


Ufficio Stampa Lazio C5 Global