Vittoria storica per il Città di Taranto, che travolge 23-0 la Woman Napoli.

PRIMO TEMPO –
Il punteggio racconta di una partita senza storia. Il Taranto fin dai primissimi istanti impone il suo carisma e ad aprire le marcature ci pensa Losurdo dopo appena sette secondi. La seconda rete invece porta la firma di Giliberto, che con un’azione personale raddoppia. A siglare la terza e quarta rete è capitan Sommese, che porta il punteggio dopo appena due minuti, sul quattro a zero. Carmen Nasso firma poi la sua prima marcatura, portando il parziale sul cinque a zero. Gaudio e Calendi si rendono protagoniste e anche loro spediscono la sfera in rete, per il complessivo sette a zero. È la stessa Gaudio a mandare in porta l’ottava marcatura. Piove sul bagnato per il Napoli, che a metà del primo tempo rimane in inferiorità numerica per l’espulsione di Buono. Le ioniche poi vanno ancora in rete con Giliberto e Losurdo, le quali mandano il punteggio in doppia cifra. Prima della sirena finale c’è gloria anche per Victoria Schiavone, che a soli quattordici anni, trova la sua prima rete in A2. La prima frazione di gioco termina undici a zero per le tarantine.

SECONDO TEMPO – La ripresa ha la stessa trama della prima. Sommese dopo appena quarantasei secondi, fa dodici a zero. Al terzo minuto è ancora Nasso a segnare, la sua conclusione finisce in porta grazie anche ad una deviazione di Di Riso. Dopo pochissimi secondi, festeggia anche Antonella Schiavone, gemella di Victoria, anch’essa trova la sua prima marcatura in A2 e porta il punteggio sul quattordici a zero. Carmen Nasso poi sigla la sua personale tripletta e manda le ioniche sul più sedici. Stesso discorso vale per Veronica Calendi, la quale fa diciotto a zero. Al festival del goal partecipano anche Convertino e Buccoliero, che con le loro prime marcature stagionali spediscono il risultato sul venti a zero per il Taranto. Le rossoblù ottengono anche un calcio di rigore con relativa espulsione di Di Riso, visto il suo fallo di mani, che impedisce alla sfera di andare in porta. Per mancanza di cambi le campane rimarranno per tutto il resto del match in quattro. Il penalty però viene sbagliato da Marzella e respinto da Pelo. È il preludio al ventunesimo goal, che arriva ancora con Gaudio. Marzella però trova comunque la sua prima firma stagionale e porta il vantaggio delle ioniche sulle partenopee di ventidue a zero. A chiudere le marcature ci pensa Gaudio, con la sua quarta firma quest’oggi, per il ventitré a zero finale. Le rossoblù balzano in classifica al secondo posto, in attesa dei recuperi. Mercoledì ancora turno infrasettimanale per le ragazze di Coach Liotino, le quali giocheranno in trasferta sul difficile terreno del Molfetta.

Ufficio Stampa Corim Città di Taranto