Un’altra gara da dentro o fuori: la prima per darsi ancora una chance, la seconda per raggiungere la terza finale consecutiva della sua storia. Occasione d’oro per un Pescara che ha corretto in corsa gli errori e ha pareggiato la serie con un netto 4-0 che ha letteralmente tolto il match point dalle mani della Lazio.

SOLDEVILLA – “Se me lo aspettavo? Sinceramente sì – risponde Ana Soldevilla -. Quello che mi ha sempre colpita di questa squadra, anche da avversaria, è stata la capacità di dare quel qualcosa in più nel momento della verità. Magari non siamo state costanti, ma il carattere c’è. In gara -2 siamo state tutte in partita, tutte con la giusta concentrazione e con voglia di farcela e questo ha fatto la differenza. Se a Fiano Romano non c’era il giusto atteggiamento e abbiamo fatto fatica a buttarla dentro, soprattutto a causa degli interventi di Mascia, in casa nostra abbiamo giocato una delle gare più belle: sapevamo di non poterci permettere errori o sarebbe finita. La prossima potrebbe essere l’ultima tanto per noi quanto per loro, perciò sarà una battaglia sportiva ancora più dura”. Segnate bene la data sul calendario: venerdì 27 maggio ore 20, al PalaRigopiano. Formazione invariata per le biancazzurre, mentre la Lazio ritrova Bruninha e deve fare a meno in panchina di mister Chilelli. “Daniele è un leader e troverà il modo di incidere lo stesso, Bruninha sarà importantissima sia per dar respiro a una squadra con tanti minuti sulle gambe tra futsal e calcio a 11 che nell’uso del portiere di movimento, in quanto ottima portatrice di palla”. Ma si tratta di una “bella” e il Pescara vuole trasformarla in bellissima con l’aiuto del fattore campo. “Casa nostra è casa nostra: non vogliamo permettere a nessuno di uscire da qui con una vittoria in tasca, tanto più così importante. Testa solo a venerdì: loro avranno voglia di vincere, ma noi ne avremo di più”.

Ufficio Stampa Futsal Pescara Femminile