Domenica 3 dicembre il Pero femminile, secondo in classifica, affronta alle ore 15 lo scontro al vertice al PalaConi di Cagliari contro la capolista a punteggio pieno Mediterranea.

Riavvolgendo il nastro come è stata la vittoria nell’ultima giornata contro la Polisportiva 1980?
Marlene Lanza:
È stata una vittoria più impegnativa di quanto potesse prospettare la classificaè il pensiero del portiere Marlene Lanza -. Nessuna squadra viene a Pero a regalare punti e siamo ben consapevoli di questo. Nello specifico, l’ultima gara più problemi dal punto di vista tattico, ci ha creato criticità in termini fisici. Non sempre questo atteggiamento rende agevole garantire uno spettacolo di futsal ai tifosi, ma noi mettiamo in campo ciò che la partita richiede, perché non abbiamo intenzione di vanificare il lavoro settimanale.

La classifica è positiva dopo le prime 7 giornate con 16 punti o si poteva fare meglio?
M. L.:
Siamo una squadra che non vuole lasciare punti durante il campionato, nonostante la consapevolezza che il nostro sia uno tra i gironi più competitivi. Abbiamo qualche rammarico per qualche punto lasciato per strada, ma c’è tutto il tempo e sicuramente la voglia di recuperare ciò che abbiamo concesso finora.

Come vedi la trasferta di domenica contro la capolista Mediterranea?
M. L.:
Sarà una tra le partite che, a mio avviso, decideranno un po’ la stagione. Conosciamo bene il valore della Mediterranea, visto che nella scorsa stagione è stata la nostra vera antagonista fino alla fine, sia per valore tecnico-tattico che per obiettivi raggiunti. Sarà una trasferta dura, ma siamo consapevoli che, con la giusta determinazione, sarà una bella partita dal finale per nulla scontato.

Ufficio Stampa Pero