Le Cittadine falconaresi allungano la serie delle vittorie in rimonta tornando alla Sicilia con tre punti sofferti ma che, messi in cassaforte, fanno ottenere il raggiungimento matematico del primo obiettivo stagionale: la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia.

Firmano l’1-2 contro l’ostica Virtus Ragusa dell’ex Tunde Nagy, oggi la migliore delle sue in porta, Isa Pereira e Pato Dal’maz tra primo e secondo tempo. Pronti via e sono subito le siciliane a rendersi pericolose: Dibiase è costretta a intervenire sulla conclusione di Pegue, la palla deviata finisce sui piedi di Alves che non ne approfitta. Le marchigiane iniziano a spingere: Pascual ha un paio di occasioni per far male e poi Dal’maz in diagonale chiama Nagy agli straordinari. Risponde un minuto dopo Pernazza che impegna Dibiase. La gara si mette in salita quando l’arbitro concede un generoso calcio di punizione alle padrone di casa per contrasto tra Taina Santos e Ferrara qualche metro fuori dall’area. È proprio la Santos che se ne occupa: palla a Pernazza sul palo più vicino e palla alle spalle di Dibiase. Il risveglio delle Citizens non si fa attendere.

Vieira per Ferrara che chiama Nagy al miracolo e poi, minuto 13’, Pereira da posizione angolata trova il pareggio nell’angolino più lontano. Ancora Falconara. Dal’maz fa tutto bene, dribbla anche Nagy ma da posizione defilata si vede fermare dal palo. Sempre la brasiliana, scatenata sulla sirena, mette in mezzo per l’accorrente Guti ma Nagy si frappone mettendoci la manona per allontanare. Nella ripresa si gioca alla pari, con il risultato che rimane a lungo in bilico. Othmani ci prova con l’esterno destro ma Dibiase fa buona guardia. Dalla parte opposta Vieira ha un paio di occasioni con Nagy che sembra davvero imbattibile. Rebe di testa mette in brividi su Dibiase in uscita mentre le Citizens si fermano ancora sul palo sugli sviluppi di un corner che Nona batte in mischia cercando Dal’maz in mezzo all’area. È il preludio al gol che arriva al 15’: Luciani batte veloce un fallo laterale verso Isa Pereira che mette subito in mezzo dove, come un falco, c’è Dal’maz pronta a gonfiare la rete.

Un vantaggio che le Citizens riescono a mantenere fino alla fine nonostante la pressione delle padrone di casa, negli ultimi minuti anche con Matranga come quinto di movimento, e il rischio di subire un tiro libero per via dei 5 falli già accumulati nel corso della ripresa. “I complimenti al Ragusa perché ha fatto una partita gagliarda – ha detto mister Neri al termine del match – avevo messo in guardia le mie ragazze che sarebbe stata una partita difficile come è normale sia in una Serie A. Abbiamo trovato un ambiente caldo ma molto corretto. La squadra di casa ha giocato al massimo e mi sono rammaricato perché nel primo tempo ci siamo un po’ innervositi. Non deve essere così: dobbiamo mantenere la bussola e continuare a creare gioco”.

(fonte ufficio stampa falconara)