La protagonista della rubrica settimanale del Calcio Padova Femminile, dopo un grande assist nella scorsa gara contro il Bitonto, è Antonella Sabatino. Ai microfoni biancoscudati, Antonella ci racconta come sta vivendo questo periodo insieme alla squadra, dove la parola d’ordine sembra essere “rialzarsi”.

SABATINO – “L’inizio della stagione non è stato come avrei voluto. Abbiamo incontrato avversarie di grande spessore, ma posso dire che ci sono state delle note positive. Dobbiamo usare queste partite per capire come muoverci e cosa dobbiamo fare. Ogni partita è una nuova lezione che ci deve servire per migliorare e per dimostrare ogni volta qualcosa in più. Ostacoli, dubbi, errori, sconfitte? Superiamo e miglioriamo solamente con il duro lavoro, con cuore e con determinazione. Per quanto riguarda la partita contro il Bitonto, penso che abbiamo fatto un buon primo tempo con ritmi e intensità buoni, rischiando di creare altre occasioni da gol. Nel secondo tempo, purtroppo, non siamo entrate in campo allo stesso modo del primo e sappiamo che non possiamo permetterci di giocare solo un tempo, ma bisogna dare continuità senza avere cali di prestazione. È brutto uscire dal campo in lacrime, ma penso una cosa: si piange perché si lotta, perché si prova, perché si sbaglia, perché si vince, perché dopo ogni lacrima ci sarà sempre un motivo per esultare. Cadere è esperienza, lottare è carattere, non arrendersi è la prima regola. Quindi mi permetto di dire alle mie compagne che l’unica cosa di cui abbiamo bisogno è osare, osare ancora e sempre osare”.

Ufficio Stampa Calcio Padova Femminile