Il Montesilvano ha scelto la sua nuova guida: è Gonzalo Jose Luis Santangelo.
Definita la rosa, è arrivato il momento di ufficializzare anche il nome del nuovo condottiero. Il Montesilvano ha scelto: a guidare le ragazze biancazzurre nella prossima stagione sarà Gonzalo Jose Luis Santangelo, che prenderà il posto di Aldo Di Pietro, salutato dopo la vittoria della Coppa della Divisione nel suo unico anno su questa panchina.
CURRICULUM – Originario di Buenos Aires (quartiere La Matanza) e arrivato in Italia nel 2005 come portiere del Racing in Serie B, Gonzalo passa poi in Serie A2 al Cus Chieti e al Pescara, prima di un intermezzo all’Ascoli. Nel suo curriculum c’è anche un’esperienza al Foggia, ma il destino lo riporta in Abruzzo, ancora a Chieti, dove inizia e conclude brillantemente i suoi studi in Scienze Motorie. Una volta laureatosi, decide di lasciare il futsal giocato per dedicarsi al lavoro come preparatore e mister. Nel 2016 entra a far parte dell’Acqua&Sapone sia come allenatore dell’Under 15 che come preparatore atletico dell’Under 17, squadra – quest’ultima – che gli regala lo Scudetto di categoria. Successivamente arriva la chiamata della Tombesi come preparatore e secondo di Gianluca Marzuoli, proprio colui che nel mandato con le adriatiche si aggiudicò Supercoppa e Coppa Italia. Ma ora toccherà a Gonzalo scrivere la storia con il Montesilvano e l’argentino non si tira certo indietro.
AMBIZIONI – “Ho avuto modo di conoscere l’ambiente già lo scorso anno. È vero che rispetto al maschile ci sono delle differenze, ma penso che le ambizioni e la voglia di fare siano esattamente le stesse: ci si allena per portare a casa i frutti di tanto sacrificio. L’unico giudice rimane sempre il campo, ma siamo una squadra con grandi nomi e non vogliamo nasconderci, lavorando per far sì che il giudizio finale sia molto positivo”. E le premesse per una stagione di successo ci sono tutte. “Gran parte del gruppo è rimasta e lavorare su un gruppo che si conosce è sempre un vantaggio, in più sono arrivate delle professioniste che non faranno fatica ad ambientarsi, dando ancora più qualità rispetto a quella che già c’era. Mi dispiace che alcune società non siano riuscite ad iscriversi – commenta Gonzalo – ma, anche se in numero ridotto, sarà un campionato tra rose altamente competitive: sarà determinante cercare di sbagliare il meno possibile e fare ancora di più rispetto all’anno scorso. Mi auguro di poter fare il massimo con il Montesilvano, così come è successo a febbraio quando stava andando tutto così bene prima dello stop”.
Ufficio Stampa Montesilvano C5 Femminile