Una battaglia sportiva di cinquanta minuti effettivi, una partita giocata a viso aperto da entrambe le squadre, decisa solo all’overtime dall’infinito talento di Federica Mezzatesta: la Femminile Molfetta si impone per 3-0 sul Lamezia e si regala così la semifinale dei playoff per la promozione in Serie A.

TEMPI REGOLAMENTARI – Partita equilibrata sin dai primissimi minuti, Ceravolo si supera subito su Mangafas e Gelsomino, mentre dall’altra parte Liuzzo è fenomenale su Ferreira. La ripresa vede la formazione di mister Diego Iessi avanzare il proprio baricentro, ma il portiere ospite para tutto. De Sarro mette alla prova i riflessi di Liuzzo nel finale, a 30’’ dalla sirena Fefè Bomber costringe Ceravolo al miracolo, ma al termine dei tempi regolamentari è ancora 0-0.

SUPPLEMENTARI – Nel primo tempo supplementare la musica non cambia, la Femminile Molfetta continua a macinare gioco e a creare occasioni da gol e la rete finalmente arriva: break centrale di Gelsomino, tiro potente che Ceravolo respinge sui piedi di Mezzatesta che da fuori area trova l’angolo giusto per il vantaggio biancorosso. Passano pochi minuti ed è ancora Mezzatesta a trovare il bis, sfruttando una ripartenza micidiale di una strepitosa De Marco. Sotto di due gol mister Monti si gioca la carta De Sarro quinta di movimento, ma è ancora Mezzatesta a siglare il gol 3-0, dalla lunghissima distanza, che fa esplodere di gioia la panchina biancorossa. La Femminile Molfetta si qualifica così alle semifinali dei playoff dove affronterà, con match di andata e ritorno, il Fondi, vittorioso per 4-2 nell’anticipo di ieri sul Futsal Osilo.

Ufficio Stampa Femminile Molfetta