La Dona Five Fasano è scatenata sul mercato e piazza un nuovo esaltante colpo in entrata, assicurandosi le prestazioni per la nuova stagione sportiva Doris Osman, accogliendo di fatto nel campionato italiano di A2 la prima giocatrice proveniente dall’Australia.

La Osman va a rimpolpare la batteria di giocatrici di cui potrà disporre mister Pannarale, che avrà a disposizione un roster di tutto rispetto, cresciuto e ampliato con gli arrivi uno dopo l’altro di Yamila Garcia e Doris Osman, che daranno quel tocco di classe ad una squadra già ben costruita.

“Che bell’accoglienza ho ricevuto, il gruppo sembra essere meraviglioso – ha detto la felice ed entusiasta giocatrice australiana -. Sono tutti appassionati di futsal e questo mi rende contenta e già integrata. Lavoreremo alla grande insieme per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

La Osman è al primo campionato europeo della sua carriera, ma sembra avere il carattere e il carisma per imporsi immediatamente in questo nuovo tipo di futsal: “Sono determinata nel fare bene in questa mia esperienza, ma per raggiungere il top ci vorrà un duro lavoro. Non amo perdere e sudo per raggiungere sempre il massimo, giocando con il cuore e dando tutto”, ha continuato la nuova laterale della Dona Five Fasano.

La preparazione inizierà tra qualche giorno, con la squadra che ha preso finalmente forma e aspetta qualche ultimo ritocco dal mercato, che può arrivare da altre conferme preziose o da colpi last minute. Il pubblico della Dona Five Fasano può dirsi davvero contento però di questo nuovo annuncio, che pone l’asticella della squadra del presidente Potenzo Di Bari sempre più in alto: “Spero che si divertano tutti venendo al Salvemini. Vado via dall’Australia con sogni e speranze che in Italia e soprattutto a Fasano spero possano realizzarsi. Che orgoglio far parte della Dona, sarà una stagione incredibile”, ha concluso la nuova arrivata Doris Osman.

La società ringrazia l’agenzia di procura Eleven Srl per il buon risultato della trattativa e in particolare Nicoletta Sergiano, che ha permesso che l’operazione andasse in porto.

(fonte ufficio stampa fasano)