La genuinità di Sofia Luciani sta tutta in questa intervista. Nelle parole di Sofia Vieira, nell’amore per Falconara e i suoi tifosi. La fascia di capitano che ha stretta attorno al braccio non è un caso, non è una questione di “anzianità”. In questi 6 anni trascorsi sulle rive dell’Adriatico, Sofia è diventata punto di riferimento. Leader silenzioso: “Ho un bellissimo rapporto con le mie compagne” – ha detto a LadyFutsal – “Siamo una squadra unita, agli allenamenti si lavora molto bene, c’è serenità. Non ci sono problemi di alcun tipo. Come capitano cerco di essere me stessa e dare l’esempio in campo, provando a fare il massimo“.

NOCI E POI LAZIO – Mai una parola fuori posto, non c’è bisogno di alzare la voce se hai il fuoco dentro. Quello da dispensare sul campo a suon di giocate e gol pesanti. Anche se non si può sempre brillare:Contro la New Team Noci eravamo un po’ sottotono vista anche la settimana pesante alla quale ci aveva sottoposto il nostro preparatore atletico. Poi nei sette giorni precedenti avevano anche affrontato tre partite molto dure (contro Montesilvano, Statte e Cagliari, ndr) dal punto di vista sia mentale che fisico. Non sempre si può sempre essere al 100% ed è molto importante, come insegna la Juve (ride, ndr), che anche quando si gioca male si riesca comunque portare a casa i tre punti”.

Il parallelismo calcistico è azzeccato. Per mentalità – quella giusta -, e perché domenica prossima la squadra di mister Neri se la vedrà a Roma con la Lazio: “Sarà una partita importantissima innanzitutto per la classifica, dato che la Lazio ci insidia il quarto posto. Poi in noi c’è grande voglia di rivincita. All’andata ci hanno battuto in casa: vogliamo rifarci”.

“L’ITALIANA PIÙ COMPLETA” – L’ha definita così Sofia Vieira, un complimento non da poco: “Mi ha fatto molto piacere. Sofia è una grandissima campionessa, stimata da tutti sia come giocatrice che come persona: è eccezionale. Quando l’ho letta sono rimasta un po’ sorpresa, ma felice. Però la domanda sorge spontanea: come mai Luciani non è stata convocata in nazionale?: “Per problemi miei personali. Sto studiando veterinaria quindi ho preferito dedicare tempo a quello”.

Se ne riparlerà in futuro, se lo merita, ma intanto è giusto godersi la propria città d’adozione: “Di Falconara amo il pubblico, l’ho visto crescere. Nei primi anni eravamo poco seguite, poi grazie al lavoro della società e delle giocatrici siamo riusciti a coinvolgerli. Adesso abbiamo sempre più seguito e quando giro per strada le persone mi fermano: ‘Con chi giocate la prossima?’ – ‘Vi vengo a vedere’. Sentire queste parole è bellissimo”.

Anche perché l’amore per il futsal di Sofia Luciani nasce e cresce in maglia Citizens: “Ho iniziato a giocare a futsal una volta arrivata a Falconara. Prima ho trascorso tanti anni nel calcio a 11, fin da piccola andavo a scuola calcio con i maschi. Poi ho avuto modo di approcciarmi al calcio a 5, sport che nelle Marche è molto seguito, mi ha colpito e per questo quando ho deciso di lasciare il calcio mi sono buttata nel futsal qui a Falconara. È andata bene!”. Anzi, benissimo. A lei è alla società di Marco Bramucci, che da 6 anni può contare su una giocatrice apprezzata a 360° gradi.