Il Girone C di Serie A2 è l’unico del nazionale femminile di futsal a non essere stato “colpito”, nello scorso turno, dalle misure preventive causa coronavirus. Hanno giocato tutte (tranne Olympia Zafferana-Coppa D’Oro, rinviata per altre questioni al 29 marzo), tra le quali ovviamente figurava anche la Virtus Ciampino. Che continua la propria corsa grazie al 6-2 sulla PMB Roma. Puntando i play-off e, chissà, sperando in un passo falso di quelle davanti. Fino al 3 aprile (è arrivata l’ufficialità) si giocherà a porte chiuse. Quindi tra campo e futuro, abbiamo chiesto a Francesca Lucentini anche le sue sensazioni in merito alla situazione coronavirus.

Francesca, come stai vivendo questa emergenza e quali sono state le ripercussioni in casa Virtus?

“Per quanto riguarda il quotidiano posso dire di non essere poi così ‘spaventata’. Mentre il futsal va avanti regolarmente, anche se la società sta mettendo in atto delle piccole accortezze per cercare, nel suo piccolo, di tutelare tutte noi”.

Veniamo al campo. Voi continuate a vincere, e nella prossima giornata c’è lo scontro diretto tra Coppa D’Oro e Vis Fondi. Per chi tifate?

“Intanto direi di pensare alla prossima sfida contro il Frosinone, assolutamente da non sottovalutare! Poi sinceramente io tifo solo Ciampino quest’anno (ride, ndr), tra loro che vinca il migliore. Noi guardiamo al nostro percorso. Siamo cresciute molto, nello spogliatoio si è creata una bellissima armonia e stiamo facendo bene, a fine stagione vedremo cosa avremo ottenuto”.

Quindi non cambieresti nulla di questa stagione?

“Direi di no. Mi sono divertita, anzi, mi sto divertendo. E nel frattempo sto crescendo e facendo bene con questa società. Non potrei chiedere di meglio!”.

Dove ti vedi tra cinque anni?

“Sinceramente non ho mai guardato così lontano. Al 100% se il fisico permette giocherò ancora, di questo ne sono certa, ma non so dove sarà la mia vita: è troppo lontano! Intanto vivo il presente e magari tra cinque anni ti darò una risposta (ride, ndr).