Tanta amarezza in casa Coppa d’Oro Cerveteri dopo la cocente sconfitta di domenica: contro il Fondi, ai rigori, è sfumato l’obiettivo Coppa Italia. Ora la capolista del girone C dovrà concentrarsi più che mai sul campionato e ritrovare nuovi stimoli. Ne parliamo con Federica Longo.

Federica, domenica non è andata. Cosa pensi sia mancato?

“Difficile parlare di domenica. Se potessi saltare a piè pari questa domanda lo farei. E’ vero che le partite ad eliminazione diretta hanno sempre una storia a sé, però è chiaro che domenica abbiamo toppato da qualche parte. Il problema principale, per quanto mi riguarda, è che non abbiamo giocato il primo tempo come avremmo dovuto. E quando poi ti ritrovi a dover rincorrere l’altra squadra non è mai semplice. Siamo state molto brave a ribaltare il risultato, quindi di positivo c’è di sicuro la nostra reazione, ma come abbiamo visto non è stata sufficiente: loro sono state altrettanto brave a sfruttare il nostro errore difensivo all’ultimo minuto e portarci fino ai rigori, dove la fortuna spesso, checché se ne dica, la fa da padrona”.

La Coppa era il vostro obiettivo principale. Come si riparte in questi casi?

“Il rammarico è tanto e le parole in questi casi non aggiustano molto l’umore, almeno per me. L’unico modo per risollevarsi è guardandosi negli occhi e trovando quel senso di squadra che ti fa rimanere uniti nei momenti delicati come questo. La differenza tra un semplice gruppo e una squadra vera la si vede solo in momenti così. E non ho dubbi su quale delle due opzioni ci contraddistingua”.

Ora più che mai testa al campionato: come state preparando la gara col Ciampino?

“Senza scuse, unica ricetta. Dobbiamo voltare pagina e lo dobbiamo fare con una grande prestazione domenica. Quindi seguiremo le indicazioni del mister per quanto riguarda il piano tattico e noi dovremo metterci tanta concentrazione e voglia di riscatto. Il campionato è ancora lungo, ed è un obiettivo altrettanto stimolante quello di riuscire a rimanere in vetta in un girone così competitivo”.

C’è qualcosa che senti di dire alla squadra in questo momento?

“Che mi sento fortunata quando guardo negli occhi ognuna delle mie compagne. E che sono certa che ripartiremo più forti di prima. Grinta e cuore sono il nostro elemento distintivo da sempre”.

Valentina Pochesci

(Foto @Simona Scarano)