L’imprecisione sotto porta condanna l’Italcave Real Statte alla sconfitta. Le ragazze di Marzella cadono a Cagliari per 3-2, costruendo tantissime palle gol ma non riuscendo a concretizzarle. Nonostante le assenze, le pugliesi giocano un buon futsal ma vengono punite dalle conclusioni dalla distanza da parte delle sarde.

L’Italcave parte con Gallo (esordio assoluto da titolare con le rossoblù), Pereira, Belam, Violi e Mansueto. Rispondono le sarde con Mascia, Vargiu, Gasparini, Mendez e Gabriela. Al secondo incredibile errore delle ioniche: pallone per Mansueto che tutta sola mette a lato. Al primo attacco, al minuto 6, passa il Cagliari: su azione d’angolo è Gabi Marranghello a trovare il tocco sotto porta. Il pallone per il pari lo ha Mansueto: si libera di una avversaria ma vede il suo tiro deviato in corner. Sugli sviluppi, tocco sotto misura di Russo che pareggia. Ripresa e il Cagliari prova a farsi vedere dalle parti di Gallo, brava a chiudere su Marranghello.

Lo Statte prova a mettere la freccia all’undicesimo: contropiede con Pereira e Belam fermate da Mascia. Passano due minuti e Pereira, in diagonale a mezza altezza, colpisce il palo pieno. Ma nel momento migliore arriva un destro di Gasparini che si spegne nel sette alla sinistra di Gallo. Marzella inserisce fisso Mansueto come portiere di movimento ma dall’altezza dal dischetto del tiro libero Gabriela trova un tiro rasoterra che si insacca sulla sinistra del portiere dell’Italcave. Le ioniche a 3′ 41” dalla fine trovano il gol del 3-2 col diagonale di Belam e la correzione sotto misura di Violi.

L’Italcave attacca a testa bassa e si divora l’impossibile. Il pallone del pari arriva dapprima con un bell’assist di Russo per Pereira, tiro deviato in corner da Mascia. Ancora Pereira ha un pallone d’oro da Violi, incredibilmente mette fuori nonostante la buona posizione in area. E ancora la 16, questa volta su assist di Mansueto, tira debole davanti a Mascia nei secondi conclusivi della gara. Finisce 3-2 per il Cagliari e un grande rimpianto per le rossoblu ioniche come spiega Tony Marzella a fine gara.

“Sapevamo che sarebbe stata una gara complicata per le tante assenze e per alcuni recuperi in extremis ma avremmo potuto sicuramente portare a casa un risultato positivo se ci fosse stata una prestazione migliore. Il rammarico sono le tante palle gol create ma, oggettivamente, non abbiamo impegnato il portiere. Perché se su 30 occasioni ci sono solo 2 interventi dell’estremo difensore da annotare, significa che c’è stata una scarsa finalizzazione nonostante una buona fase offensiva. È andata così, non facciamo drammi, da lunedì riprenderemo da dove abbiamo interrotto la nostra corsa. Certo, il calendario in questa fase non ci aiuta. Dobbiamo ancor di più far emergere lo spirito di squadra, l’ho detto e lo ripeto. Stiamo facendo di tutto per uscire da questa situazione e possiamo far bene se riusciremo a tirare fuori il massimo, puntando soprattutto sul cinismo sotto porta che, sinceramente, col Cagliari è mancato”.

(fonte ufficio stampa statte)