Sul futuro della stagione “attendiamo le valutazioni di un organismo superiore, quale è il Consiglio Federale”. Parole di Cosimo Sibilia, presidente della Lega Nazionale Dilettanti e incaricato di dettare le linee guida per il rilancio del movimento dilettantistico. Una conferma su quanto lo stesso Sibilia ha sempre lasciato intendere: la prima a decidere sarà la FIGC, poi la LND si adeguerà di conseguenza. E così via fino alla Divisione calcio a 5. D’altronde anche Andrea Montemurro lo aveva ribadito nella nota con la quale annunciava il Consiglio Direttivo del 25 maggio: “Mantenendo fede a ciò che avevo sempre sostenuto, ho convocato il Consiglio Direttivo della Divisione immediatamente a seguire da quello indetto dalla LND”.

La Lega Nazionale Dilettanti si riunirà il 22 maggio, due giorni dopo il Consiglio Federale del 20. Il 25 toccherà infine alla governance del futsal. Sibilia, intervistato dal Corriere dello Sport, è stato chiaro sul perché di tale programmazione: “La Lega Nazionale Dilettanti ragiona in un’ottica di sistema. Un sistema del quale è parte attiva e propositiva. Noi agiamo con correttezza e rispetto verso tutte le componenti, e in modo particolare del consiglio delegato a dare risposte. Per questo chiediamo che tutti facciano lo stesso nei nostri confronti”.

Infine, il numero uno della LND chiede celerità. “Grazie ai poteri ottenuti con l’ultimo Decreto Governativo – dice -,  abbiamo un’occasione unica per realizzare riforme strutturali e che non sono più rinviabili. Per la LND questo processo è imprescindibile. È necessario intervenire subito“. A due mesi abbondanti dallo stop di tutti i campionati l’impressione è che si sia perso da tempo l’attimo fuggente. Temporeggiando in attesa di un segnale dal calcio professionistico, che ha tempi e modi del tutto fuori portata per il movimento dei dilettanti. Il quale da settimane sa benissimo di non poter essere in grado di rispettare alcun protocollo di ‘massima sicurezza’. Occorrerà farsi un paio di domande su quest’ottica di sistema. Fallace, lento, probabilmente vecchio. Un sistema nel quale il calcio a 5 si è aggregato come ultima ruota (di scorta) di un carro che forse non ne vuole nemmeno sapere.

“Dal Consiglio Federale mi aspetto indicazioni precise sulle modalità di completamento della stagione. In questo modo potremo dare al calcio dilettantistico, a partire dalla Serie D, le risposte necessarie e tanto attese”, conclude Sibilia.