Difendere i colori di una maglia alla quale si tiene è un onore, proteggerli fisicamente nel ruolo più difficile del mondo, quello del portiere, riveste un’importanza speciale: lo sa bene Sara Villa, che, in questi anni, ha accompagnato la Littoriana in un percorso di crescita esponenziale.

VILLA – Il mese di novembre si avvia alla sua conclusione e l’intero futsal regionale resta in attesa di novità sulla ripartenza della stagione: “È una fase un pò particolare – esordisce l’estremo difensore -, cerchiamo di viverla nel migliore dei modi: continuiamo ad allenarci, ovviamente rispettando tutte le normative anti-Covid. Sul rientro in campo sono un po’ scettica, dato che, purtroppo, non è una situazione che si risolve dall’oggi al domani, la speranza, però, è che avvenga il prima possibile”. Il club di Cascarini ha ben figurato nei lampi iniziali di un campionato ancora tutto da scoprire: “Due partite sono poche per dare un giudizio dettagliato: la mia idea è che si possa sempre migliorare, noi non smettiamo mai di farlo – sottolinea la numero 12 -. Le avversarie sono variate rispetto all’anno scorso: sappiamo che alcune hanno un’ottima rosa, mentre altre restano un’incognita”. Villa, tra le protagoniste della scalata della Littoriana verso la Serie C, guarda avanti con ambizione: “Qui mi trovo bene: siamo un bel gruppo sia nello spogliatoio che fuori, è come una seconda famiglia. Il mio sogno nel cassetto è quello di riuscire a battere i risultati già ottenuti – chiosa -, voglio continuare a crescere”.

Redazione
*foto: Laffi