Questa è una Littoriana ad ampio raggio, come la visione del suo presidente: Silviano Cascarini. Le neroblu ci sono, stanno dicendo la loro in Serie C Lazio. Partite con l’obiettivo di salvarsi e ora con l’aspirazione di giocare i play-off, perché no. Anche se il vero traguardo è un altro, più ambizioso, più alto e in là nel tempo. Si chiama Serie A. Un passo alla volta, senza fretta e sempre con mister Enrico Grassia. È questo il futuro che Cascarini ha in mente per la sua Littoriana, lo ha rivelato a LadyFutsal.

Silviano, grande vittoria contro il Casal Torraccia. I Play-off distano solo 5 punti, siete lì.

“Sì, all’andata con una squadra già importante come il Torraccia avevamo pareggiato 4-4, questa volta eravamo sotto di due gol e abbiamo recuperato la partita. Noi abbiamo sempre detto che il nostro sarebbe stato un campionato da salvezza, ma lo stiamo portando avanti con grande dignità. Devo ringraziare il gruppo e mister Grassia. Il presidente fa la sua parte senza intromettersi. Ho sempre dato carta bianca all’allenatore e continuerò a farlo. Lui ci ha portato in Serie C, e lui adesso ci sta facendo raggiungere la salvezza. Quindi ora il nostro obiettivo è provare a entrare nei play-off, sempre con umiltà e dignità. La squadra è compatta, c’è: ci crediamo”.

Alla prossima affronterete il Real Terracina, una squadra che da qualche mese a questa parte sembra inarrestabile.

“Il Terracina ci ha eliminato dalla Coppa Lazio, abbiamo preso una bella “batosta”. Però andremo a giocare in casa loro per vincere. I presupposti ci sono, all’andata abbiamo vinto sia in campionato che in coppa. Sarà una partita apertissima. Giocheremo anche sul fatto che loro, prima o poi, potrebbero anche sbagliarla una partita (ride, ndr). È una squadra eccellente, la considero alla pari del Progetto Futsal, ma ce l’andiamo a giocare”.

Come vedi il futuro della Littoriana?

“I presupposti per crescere ci sono, anche per un futuro di Serie A. Lo garantisco e ne ho parlato anche col mister, ormai sono in ballo e voglio ballare. Il nostro è un bel gruppo e vorrei che andasse avanti sempre con Enrico Grassia: io faccio crescere lui e lui fa crescere me. Ho sempre avuto il suo supporto e molte volte non abbiamo sbagliato perché io mi sono fidato di lui dandogli carta bianca. Poi in alcuni casi è lui a chiedere consiglio a me, tra noi c’è grande sintonia. Anche quando abbiamo perso è sempre stato il mister che volevo”.

Quindi pensi in grande.

“Nell’arco di un paio d’anni voglio lavorare per la Serie A. Questa società è nata per passione, non per soldi, però la Littoriana prima o poi farà il grande salto. Io già oggi mi sto muovendo per le strutture da avere tra un anno o due anni. Il progetto sulla femminile non arretra di un millimetro. Non sono 2/3 sconfitte di seguito a cambiare le mie scelte. Le decisioni vanno prese in base al gruppo, alle persone che ti circondano. Ringrazio anche Pierguido Laffi, nostro dirigente, ci dà una grossa mano”. Infine il presidente Cascarini chiude con un altro pensiero su Enrico Grassia: “Mai come in questo periodo, un mese molto difficile per me, mister Grassia mi è stato vicino. L’ha sempre fatto sia nei momenti belli che in quelli negativi. E viceversa io con lui. Ci tengo a dirlo”.