La Lazio si prepara ad archiviare il 2021 tra le mura amiche del PalaSport di Fiano Romano. Il team guidato da Daniele Chilelli, infatti, ospiterà il TikiTaka Planet Francavilla, che prima del kappaò rimediato per mano del Bitonto poteva vantare una striscia di cinque risultati utili di fila. “Sarà un’altra gara molto difficile – premette Catarina Pinheiro -, come lo sono state tutte sinora. Servirà una Lazio concentrata e determinata su ogni pallone, e, certamente, che non molla mai fino alla fine”.

Serie A – Le biancocelesti, dal canto loro, hanno dimostrato di potersi ampiamente giocare le proprie chance con le altre contendenti della serie regina, come attestato dai 19 punti accumulati in classifica che le sono valsi l’attuale vetta della classifica in coabitazione col Falconara. “In un’intervista pre-stagionale sostenni che ci stavano sottovalutando – afferma la portoghese -, poiché eravamo una squadra forte e che poteva battere chiunque. Ci aspettavamo un campionato complicato, dove però potevamo dire la nostra, e fortunatamente ci è andata abbastanza bene fin qui”. Le capitoline, tuttavia, non sono affatto sazie. “Quello che di buono abbiamo fatto in questa prima parte non servirà a nulla se non gli diamo continuità – evidenzia la numero 17 -. Continuiamo a ragionare partita dopo partita, con l’obiettivo dei tre punti e senza mai guardare in avanti”.

U19 – Pinheiro, così come nella passata stagione, ricoprirà anche il ruolo di allenatrice dell’Under 19 femminile: “Purtroppo – spiega la laterale -, abbiamo fallito in Coppa, dal momento che non riusciamo ancora a esprimere il nostro gioco con continuità, ad avere un approccio corretto alla partita e a mantenere la tranquillità quando non riusciamo subito a far bene. Nonostante tutto, ho un gruppo di ragazze molto forte, composto da parecchi elementi di qualità”. Le baby aquilotte, dalla loro, hanno il potenziale per ambire all’affermazione tricolore di categoria. “Abbiamo alcune calciatrici che stanno alla Lazio da anni – chiosa la nativa di Chaves -, che hanno vissuto tante esperienze sul campo e hanno condotto un percorso di crescita importante, abbinato ad alcune più giovani ma molto promettenti. Sicuramente, possiamo competere per lo scudetto”. Garantisce Pinheiro.

Alessandro Cappellacci