Non lo rivedremo presto in Italia. Ne è sicuro Willy Lapuente, già tecnico di formazioni blasonate come l’Ita Salandra, lo Sporting Locri e la Woman Napoli. Da Saragozza, il mister spagnolo strizza l’occhio ad alcuni giovani talenti del nostro campionato e dice la sua sulla finale Scudetto fra Ternana e Olimpus Roma…

Quando ti rivedremo in italia?
“Penso che almeno per il momento sia difficile; ho un’altra idea di lavoro… Io non metto soldi per allenare, non faccio commedia e non cerco autointerviste per promuovere quello che faccio”
Segui molto il mercato e la crescita di molti giovani talenti in Spagna. Quale giocatrice pensi si affermerà nel prossimo futuro?
“Non ti posso rispondere con nome e cognome, altrimenti qualcuno inizia a fare scoop e si mette la medaglia su Facebook… Penso che dalla Spagna sarà difficile che arrivino in Italia più di due o tre nuove giocatrici”
In Italia, quale giovane del nostro campionato ti piace?
“Coppari, Boutimah, Iannucci, Gariuolo, Mazzaro e, soprattutto, Federica Marino, ai quali vanno aggiunte le ragazze della Juniores della Lazio. Tra poco sentiremo parlare anche di Carmen Nasso dello Sporting Locri!”
Olimpus e Ternana: come spieghi la vittoria della formazione di D’Orto su quella di Pellegrini?
“Ho sentito critiche al modo di giocare della Ternana… Senza Coppari, Neka e con Presto che ha giocato infortunata, erano solo in cinque, cosa vogliamo? Per me è stato un miracolo vederle competere fino alla fine così. Si può criticare solo che l’allenatore si sia fatto allontanare nel momento chiave della partita: sapendo che Lucileia era stata espulsa era chiaro che gli arbitri avevano già l’idea di mandare via a uno della Ternana e cosi è stato. Poi, il rigore fermato Giustiniani più che sbagliato da Renata, merito del portiere è stato un intervento pazzesco. L’Olimpus ha praticamente due squadre e questo ha fatto la differenza. Per me la Ternana, nonostante non abbia vinto, deve essere fiera di quello che ha fatto. Hanno una tifoseria incredibile che ti mette benzina quando arrivi a essere stanca”.