“Si è avverato quello che avevo previsto”. Parte subito forte, va dritto al punto Silviano Cascarini. E ha ragione. Il presidente della Littoriana era stato chiaro prima dell’inizio della stagione: alla squadra sarebbe servito un po’ di tempo, 3-4 partite, e poi avrebbe preso il via. Senza fare da spettatrice non pagante della Serie C Lazio ma giocandosela alla pari con tutti. Così è stato: “Le ragazze ci hanno messo poco tempo a superare il periodo di rodaggio, si stanno facendo valere. Lo scotto delle prime giornate andava pagato, basta vedere i due pareggi iniziali: partite che oggi affronteremo diversamente. La sconfitta con il Torrenova alla seconda giornata poi non la consideriamo, non abbiamo proprio giocato! Forse c’era ancora qualche strascico di paura per il salto di categoria. Con il Progetto Futsal invece è siamo usciti sconfitti a testa alta (1-3 ndr) contro una squadra di categoria e un allenatore da Serie A”.

Due punti nelle prime quattro giornate, dodici nelle successive quattro. Ora la Littoriana è a una sola lunghezza dalla zona play off, ma non solo. La doppia vittoria ai danni de La Coccinella ha spedito le ragazze di Grassia ai quarti di finale di Coppa Lazio. Competizione che questa sera metterà le latinensi dinnanzi al Terracina: “Abbiamo affrontato La Coccinella tre volte in 20 giorni vincendole tutte e arrivando ai quarti. Questa sera avremo una bella partita contro il Terracina, che abbiamo già battuto 4-2 in campionato. Poi la palla è rotonda e si vedrà. Però siamo partiti dicendo che non avremmo fatto un campionato da spettatori, stiamo mantenendo la promessa”.

L’asticella si alza: “È presto per dire se potremmo andare ai play off, ma sicuramente faremo un campionato da media classifica. Ora siamo entrati in un’altra fase di rodaggio, quella ad alto livello: il passaggio finale. Abbiamo già affrontato squadre temibili finora, spesso cavandocela egregiamente, adesso ci resta fare quel salto contro squadre come la Roma e l’Atletico Tirrena. Sono avversari ostici ma alla nostra portata, ce la giocheremo con tutte fino all’ultimo minuto”. Anche in Coppa Lazio: “Per noi andare avanti è un entusiasmo, ci crediamo, vogliamo passare il turno! Ci stiamo prendendo gusto. E in Coppa Lazio, rispetto al campionato, anche una squadra più forte come il Progetto Futsal può essere affrontata in un modo diverso visto il doppio confronto. Ogni partita è a sé”. Quindi guai ad adagiarsi anche contro avversari sulla carta inferiori: “Venerdì sera avremo l’anticipo con il Santa Gemma. Speriamo di non deludere in questa partita in casa. Loro hanno bisogno di punti, non bisogna mai sottovalutare nessuno, nemmeno l’ultima in classifica. È sempre il campo a parlare”.

Il segreto sta nel clima che si respira alla Littoriana: “Noi abbiamo voglia di crescere, e il nostro è un gruppo affiatato che si distingue da tanti altri. Quello significa tanto anche per intraprendere un bel percorso sportivo. Nessuna manca mai agli allenamenti, si impegnano al massimo. Sono proprio soddisfatto di queste ragazze. Ma non solo io, tutta la società, anche la squadra maschile. Loro seguono i colleghi uomini e gli uomini seguono loro, c’è un’atmosfera e un entusiasmo particolare qui alla Littoriana”. L’unione fa la forza: “Ora stiamo preparando la festa di Natale a poche settimane dalla festa di inizio stagione. Ci tengo io come presidente, insieme a mia moglie, ma ci teniamo tutti a fare bella figura e a vivere il futsal in un ambiente unito come questo”. Voglia di fare bene, massimo impegno, legame di squadra. Questa Littoriana se la giocherà fino alla fine: Silviano Cascarini docet. E il presidente ci ha già preso una volta…