Le due giovani azzurre, Grieco e Barca, piegano il Virtus Ragusa e regalano la vittoria alla Lazio. Al PalaGems finisce 5-2 per la formazione biancoceleste.

La partita resta bloccata fino all’ottavo, quando arriva un’occasione per Lazio che sfiora la rete con Vanessa su calcio di punizione. La conclusione della giocatrice dà l’illusione del gol ma la palla non è entrata. Sul rilancio della ex Nagy, un’altra ex, Rebe, la insacca di testa, portando in vantaggio il Ragusa (0-1). Le biancocelesti non ci stanno e in un minuto ribaltano il risultato grazie alla doppietta di Grieco; due reti una diversa dall’altra per lei, con la prima servita da un passaggio splendido di Vanessa davanti alla porta avversaria e la seconda frutto il gioiello della casa, la potenza, espressa con una bomba che non lascia scampo a Nagy. A cinque dalla fine, sesto fallo del Ragusa e tiro libero concesso alla Lazio e trasformato da Vanessa. 3-1 e squadre negli spogliatoi.

Nella ripresa, la Virtus Ragusa torna in campo con le idee molto chiare e al quarto minuto accorcia le distanze: Pegue approfitta di una respinta da fuori area di Tirelli e la beffa con un pallonetto da centrocampo, un gran gol che vale il 3-2 e porta la formazione siciliana a -1 dalla Lazio. Ma la partita non è finita. C’è tempo ancora per due gioielli, entrambi firmati dal capitano biancoceleste, Cecilia Barca. A 10’55” schema riuscito per la Lazio e Barca puntuale sul secondo palo a spingere in rete – quasi di pancia – una palla perfetta arrivata per lei a mezza altezza. E’ ancora sua la firma sulla rete che a 35” dal fischio finale sigilla il risultato a favore della Lazio e fa calare il sipario al PalaGems.

Lazio batte Virtus Ragusa 5-2. La settima giornata di campionato si conclude.