Una partita da ricordare, cinquanta minuti effettivi ricchi di emozioni, colpi di scena, occasioni e sofferenza, culminati con l’uno-due micidiale nel secondo tempo supplementare che consente al Molfetta di espugnare Fasano e qualificarsi così alla Final Four di Coppa Italia.

Mister Diego Iessi recupera in extremis Patri Jornet e Fatiguso, con Liuzzo, Mezzatesta, Castro, Mangafas e Pedace a formare lo starting five. Il primo sussulto alla partita lo porta Mezzatesta, sulla cui conclusione è straordinaria Antonacci. Dall’altra parte Tiziana Liuzzo sventa alla grande le sortite delle padrone di casa, ma l’occasione più clamorosa è biancorossa al decimo minuto: uscita determinante di Antonacci su Mazzuoccolo, la palla finisce sui piedi di Monaco che colpisce in pieno Acevedo sulla linea di porta, Patri Jornet raccoglie la respinta e da posizione favorevole, a porta praticamente sguarnita, calcia fuori. Nel finale di frazione, ancora Mezzatesta e Moreira protagoniste ma il punteggio non si schioda dallo zero a zero.

Gara ricca di spunti e occasioni anche nella ripresa, ma è negli ultimi cinque minuti effettivi che accade di tutto. Antonacci salva in uscita su Castro ma si scontra con una compagna di squadra ed è costretta ad abbandonare il campo. La Femminile Molfetta esaurisce il bonus falli e a 3′ dalla sirena Moreira ha il tiro libero per l’1-0, ma lo calcia incredibilmente a lato. Castro ci prova su punizione ma colpisce la traversa e a 20” dalla fine Mezzatesta completa un’azione corale magnifica, ma il suo esterno destro finisce sul palo. Si va così ai supplementari.

La Femminile Molfetta è brava a non incappare in ulteriori sanzioni disciplinari che significherebbero tiro libero e negli ultimi 5′ di gara sblocca la contesa: Patri Jornet riceve palla spalle alla porta, si libera della marcatrice con una finta di corpo e di sinistro sigla lo 0-1 che fa impazzire la panchina biancorossa. Il Fasano si gioca subito la carta quinto di movimento, ma Pedace è lesta a recuperare palla e a insaccare dalla lunghissima distanza. I tentativi delle padrone di casa non si fermano e a 28” dalla fine Gigante accorcia le distanze. Gli ultimi secondi sono di sofferenza assoluta ma alla sirena finale è la Femminile Molfetta ad esultare per una storica qualificazione.

Nella Final Four che si terrà, in sede da definire, tra il 13 e il 15 marzo, le ragazze di Iessi se la vedranno con Woman Napoli, Città di Capena e Audace Verona.

Gabriele Pappolla
Addetto Stampa
ASD Femminile Molfetta