Semifinale di Coppa sì o semifinale di Coppa no? Per il momento la data del 16 gennaio contro il Viareggio rimane fissata e in attesa della definitiva ufficialità, La 10 Futsal Femminile Livorno si allena come se fosse tutto già confermato.

ROMITI – “A parte qualche allenamento saltato a causa di un contatto con un positivo e di impegni di lavoro – spiega il portiere Chiara Romiti – sto lavorando duro sia personalmente sotto la guida di Vannini, affinando tecniche di parata proprie del calcio a 5, sia di gruppo. Con Di Maggio e Duco, ci presenteremo sul campo neutro di Prato nella miglior condizione possibile e con la grinta giusta, ma senza sottovalutare nessuno perché un atteggiamento di sufficienza non ci porterebbe da nessuna parte. Come la vivo io? Con ansia – sorride – da sempre, contro qualsiasi avversaria. Anche contro quelle con cui abbiamo già vinto e con parecchi gol di scarto. Ma devo dire che serve: mi aiuta a essere reattiva e a rimanere concentrata”. Due soli passi per la Coppa Toscana che darebbe eventualmente accesso alla Coppa Nazionale per le vincenti regionali. Le prossime due sfide, insomma, mettono in palio tantissimo e ancora di più per Romiti che si è spesso fermata a un passo dalla gloria. “Sarà per questo – scherza – che alla finale del 30 non ci penso nemmeno. Posso dirti solo che la soddisfazione sarebbe grande perché nel calcio a 11 ho vinto poco e nulla, ma adesso ci sono tutti i presupposti per raggiungere una finale che tutta La 10 meriterebbe per i sacrifici e l’impegno che ognuna di noi ci sta mettendo. Vincere poi sarebbe il coronamento di questa parte del percorso, senza dimenticare il massimo risultato possibile: la vittoria del campionato, magari passando per una bella avventura in Coppa Nazionale”. Sogni detti a voce alta, come mai aveva fatto prima, all’inizio di un anno di grandi progetti ed evoluzioni come giocatrice e come persona, al fianco di mamma Sonia, apprezzatissima dirigente giallonera. “È che qui abbiamo ritrovato entusiasmo tutte e due, ma ho sempre preferito i fatti alle parole. Le mete sono chiare, ora sta a noi raggiungerle senza farci distrarre da nulla”.


Ufficio Stampa La 10 Livorno
*foto: Mauro Pomposi