Una comparsata – di alto livello – alla Lazio e poi via, di nuovo in patria. È stato compito dell’Italcave Real Statte riportarla in Italia, alzando ancora il livello di questa Serie A grazie al suo innesto. Stiamo parlando di Ceci Puga, laterale delle pugliesi intervistata in esclusiva da Lady Futsal.

Nell’ultima giornata contro il Montesilvano è arrivata la prima sconfitta stagionale. Cosa non ha funzionato nello Statte?

“È stata una partita molto equilibrata. Abbiamo iniziato meglio, ma le decisioni arbitrali ci hanno condizionato. Siamo state costrette a ridurre un po’ la nostra intensità difensiva per non commettere fallo, altrimenti l’arbitro avrebbe assegnato tiro libero al Montesilvano”.

Al di là di questa sconfitta siete partite benissimo, qual è il vostro segreto?

“Siamo una squadra molto ambiziosa. Io e le mie compagne vogliamo vincere, sempre. Questo ci rende molto competitive, combattiamo su ogni pallone. Quindi siamo una grande famiglia in cui tutti vogliono fare del proprio meglio per trionfare in ogni partita”.

Sei tornata in Italia dopo quattro stagioni, cosa pensi della nostra Serie A?

“Ho deciso di tornare in Italia perché mi è piaciuto molto il progetto sportivo che mi è stato offerto dal Real Statte. Ogni anno il campionato italiano diventa sempre più competitivo, tutte le squadre dispongono di giocatrici molto forti e questo rende la Serie A equilibrata e avvincente”.

Ora che sei tornata, dicci cosa devono temere di te le avversarie.

“L’importante è sempre la squadra, una giocatrice non può vincere il campionato da sola. Quindi Ceci Puga verrà sempre dopo il Real Statte”.