L’emozione della prima in casa si fa sentire in casa del CUS Cosenza. Le gialloverdi non vedono l’orda di debuttare nel proprio palazzetto.
Tra tutte Maria Grazia Merante pare particolarmente carica. L’emozione dei tre gol messi a segno settimana scorsa è ancora grande così come i sentimenti per questa maglia, per questa realtà del futsal.
Tripletta nell’ultima di campionato. Quale dei tre gol preferisci?
“Inizio col dire che non mi aspettavo una tripletta all’esordio ma sono stata davvero felice di aver ottenuto questo risultato. Tutti i tre goal mi hanno caricata di emozioni positive ma l’ultimo in particolar modo perché, oltre ad essere frutto di un gioco di squadra ben riuscito, c’era l’intenzione da parte mia di segnare”
Sei tra le più longeve atlete della Società. Cosa significa per te il Cus Cosenza?
“Come ho già detto per me il CUS é passione che arde oltre l’incertezza del tempo e non si arrende mai. Vedo il CUS come una seconda famiglia che mi ha aiutata a crescere calcisticamente e mi ha supportato anche nei momenti peggiori. Il CUS non rappresenta solo la mia squadra ma anche un gruppo unito, persone di cui posso fidarmi con le quali ho instaurato un bellissimo rapporto”
Tutto pronto per la trasferta a Napoli? Cole affronterete la Woman?
“In realtà la partita sarà la prima che giocheremo in casa e questo è uno dei motivi principali che ci sprona a dare il massimo. Affronteremo la Woman Napoli sicure dei nostri mezzi per provare a ottenere un altro buon risultato questa volta a casa CUS”
In vetta alla classifica c’è il Bitonto, una formazione che in due gare ha segnato 24 reti subendone appena 2. Quanto fa paura?
“Il Bitonto è indubbiamente una bella squadra, hanno molta esperienza e sono un gruppo ben formato. Però se c’è una cosa che ho imparato è che non bisogna avere paura di nessuno ma fare sempre il proprio meglio per dire la nostra e ben figurare aldilà di quello che poi sarà il risultato ottenuto”.