Il TikiTaka Futsal Francavilla interrompe la striscia di vittorie del Bitonto: 1-1 il risultato finale. Una sfida dall’elevato tasso agonistico caratterizzata anche, ovviamente, dal talento delle migliori giocatrici del campionato.

PRIMO TEMPO – La squadra abruzzese prova a fare la partita sin dall’inizio e ha la prima occasione dopo pochi secondi con la conclusione di Adrieli Bertè schermata dalla difesa. Il primo squillo del Bitonto arriva poco dopo, con la botta a colpo sicuro di Renatinha neutralizzata dall’opposizione di Duda, al ritorno dal primo minuto. Sugli sviluppi di un’azione offensiva delle neroverdi, Leticia Martìn Cortes intercetta la sfera e trova libera Vanin, che con la sua consueta progressione supersonica si ritrova occhi negli occhi con Castagnaro e non può sbagliare. Tikitaka in vantaggio al PalaRigopiano con il quindicesimo goal in campionato della sua donna simbolo. Il Bitonto non si scompone e cerca il pareggio prima con Diana Santos e poi con Renatinha, senza esito. Il primo colpo di scena della sfida arriva al settimo minuto, con il brutto intervento di Renatinha che scaraventa sul parquet Debora Vanin. Fallo ma nessuna sanzione, con la capitana giallorossa che rimane a terra per qualche secondo ed è costretta a chiedere il cambio. Dopo circa un giro d’orologio, rientra in campo la giocatrice sudamericana che anticipa Castaganaro su un pallone lungo al limite dell’area e viene di nuovo travolta, questa volta dall’estrema pugliese. Costretta ad abbandonare di nuovo il proscenio, per gli arbitri non c’è nessun fallo. Senza il loro faro, le ragazze di Cely Gayardo perdono sì un po’ di fantasia ma, nel momento di difficoltà, a dimostrazione dell’affiatamento del gruppo, mettono in campo concentrazione e grande compattezza. La compagine neroverde cerca di fare la partita costringendo le francavillesi a giocare di rimessa. Buone le trame che vedono protagonista Diana Santos sull’out di destra, sempre molto ben limitata dalla difesa giallorossa guidata da una monumentale Adrieli Bertè. Su questo canovaccio tattico, rientra in campo Debora Vanin e nonostante i colpi subiti, continua a illuminare la scena. Serpentina ubriacante in transizione e con una finta manda al bar la sua dirimpettaia: la sua conclusione viene bloccata da un’attenta Castagnaro. Il Bitonto alza la pressione e si vede. Tampa e Renata dialogano attorno all’area di rigore ma la conclusione della numero 9 viene contrastata da una super parata di Duda. Prosegue l’offensiva bitontina anche nel finale di tempo con la conclusione di Grieco: Duda c’è e respinge ancora. Fuochi d’artificio nei secondi finali. Prima, Vanin semina il panico con la sua accelerazione fulminea: solo un grande intervento di Castagnaro le nega la doppietta. Poi, dall’altra parte la tecnica sopraffina di Renatinha si infrange contro una miracolosa uscita a croce di Duda. Sul risultato di 1-0 in favore della squadra di casa, si conclude il primo tempo.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione inizia subito forte: prima Bettioli poi Tampa impegnano le rispettive estreme avversarie. Se viene lasciato anche uno sparuto spazio di campo, Debora Vanin lo aggredisce: l’ennesima sgasata termina con una conclusione a rete neuralizzata da Castagnaro. Dopo queste fiammate è di nuovo la squadra neroverde a gestire il possesso continuando a creare occasioni, con Renatinha protagonista e con Duda sua personale nemesi. Coach Marzuoli spinge anche Castagnaro in avanti, quindi con un letterale portiere in movimento, a testimonianza dell’assedio perpetrato dalla compagine pugliese. La difesa abruzzese crolla sull’imbeccata di Renatinha e la girata in posizione da pivot di Mansueto per il goal del pareggio, meritato, del Bitonto. 1-1 al PalaRigopiano. La partita esplode con clamorose palle goal da parte di entrambe le contendenti, senza però modificare il risultato sul tabellone. Un arbitraggio a dir poco all’inglese contribuisce a innalzare il tasso agonistico del match che causa la terza uscita dal campo per infortunio di capitan Vanin, colpita in questa circostanza al volto. Nel finale di partita, la squadra pugliese si getta nuovamente nella metà campo offensiva, ma la stanchezza sembra essere scesa sul parquet di entrambi i fronti. Senza ulteriori emozioni si conclude la partita: al PalaRigopiano finisce 1-1 fra TikiTaka e Bitonto.

IL VERDETTO – Si conclude così lo splendido girone di andata delle giallorosse: nove vittorie e due pareggi in undici contese. A questi numeri si aggiunge l’orgoglio di avere frenato la corsa della capolista, che, a bene vedere, è sembrata superiore in alcuni brani della partita. Le ragazze di Cely Gayardo si dimostrano capaci di soffrire e di non perdere mai di vista l’obiettivo. Per la Serie A di futsal è tempo di vacanze in attesa del girone di ritorno, quando sarà già 2024.

Ufficio Stampa TikiTaka