Una dichiarazione d’amore in piena regola. E’ ciò che il Perugia ha dedicato al suo nuovo allenatore, Marco Abati, per presentare questa nuova stagione da vivere insieme. Domenica si comincia con la Coppa della Divisione: le umbre sanno di poter contare ciecamente sul proprio allenatore.

“Dici Marco Abati, dici Futsal.

E’ stata la prima pedina di questo nuovo Perugia, il primo pezzo del puzzle, quello che metti al centro del tavolo, quello da cui inizi a costruire tutto il resto. Dopo una stagione burrascosa serviva un allenatore con esperienza, un allenatore che fosse in grado di ripartire dalle basi, un allenatore che riuscisse a trasformare materia grezza in opera d’arte.
Il suo desiderio di tornare nel movimento femminile era fortissimo, e la scelta non poteva essere più facile: Perugia è una piazza ambiziosa, una squadra vogliosa, un gruppo di persone collaborative che respira Futsal dalla mattina alla sera.

Alla domanda “Quali sono i punti di forza delle donne?”, il mister risponde senza alcun dubbio: “Tutti quelli che rendono le donne migliori degli uomini: caparbietà, spirito di sacrificio, sensibilità, coraggio, passione, concentrazione”.

Il movimento umbro ha bisogno di persone come lui, di persone che definiscano il Futsal una “disciplina” e non un semplice sport: il confine è sottile, ma in una disciplina serve rispetto, rigore, dedizione, elementi che spesso vengono sottovalutati. Sulla stagione che sta per iniziare le parole sono poche ma chiare: “Dobbiamo lavorare tanto, lo stiamo facendo bene, divertendoci e avendo tanta voglia di stare insieme. La Società mi ha messo a disposizione delle ragazze straordinarie, sono sicuro che riusciranno a regalare a tutti una grande stagione”.

Il mister suona la carica, domenica 15 si inizia a fare sul serio; il cammino delle biancorosse parte dalla Coppa della Divisione e dal Palasport Pellini alle 16 contro il Pelletterie, squadra neopromossa in Serie A organizzata ed esperta. Il match permetterà alle ragazze di confrontarsi con una compagine di categoria superiore e soprattutto di mettere in atto gli insegnamenti appresi nelle ultime settimane. Dobbiamo solo sederci comodi e goderci lo spettacolo: il Perugia Futsal va in scena!”.

Sara Bececco