Le pesanti conseguenze derivanti dalla pandemia di Covid-19 hanno di fatto messo in ginocchio il futsal femminile, che, a poche ore dalla chiusura delle iscrizioni delle categorie nazionali, continua a incassare delle pesanti defezioni. Il Coronavirus stavolta ha negato il traguardo della Dona Five, che ha soltanto accarezzato il sogno Serie A. La compagine di Fasano, infatti, sarà costretta a rinunciare al gotha del calcio a 5 in rosa, ma, stando al suo comunicato, non chiuderà definitivamente l’attività sportiva, bensì ripartirà con un nuovo progetto.

LA NOTA – “Oggi 27 luglio avremmo dovuto festeggiare il tuo 39° compleanno… purtroppo il destino beffardo, ha voluto farti volare in cielo… ogni anno il nostro regalo è stato quello di ricordarti organizzando un memorial, ma questa volta, causa Covid e conseguenze, non è stato possibile… in compenso la cosa più grande che potevamo fare era portati alla massima serie.. ecco fatto!!! Dopo anni di sacrifici, lotte, momenti bui e altrettanti solari, grazie al mister Michele Pannarale, allo staff tecnico/dirigenziale, medico e grazie alle nostre ragazze, l’obiettivo è stato raggiunto, rispettando tutti i principi che ci hanno contraddistinto come società e ponendoci valori quali umiltà, correttezza, rispetto e puntualità nei confronti di tutti… Bene, il nostro regalo per te è questo e con molta umiltà ne approfittiamo per dire che la DonaFive non parteciperà al campionato di Serie A… purtroppo e a malincuore, l’emergenza sanitaria e la grave crisi non ci consentirebbe di rispettare gli impegni con staff e calciatrici, ma soprattutto di mantenere saldi i nostri principi… perciò cara la nostra Dona, grazie a te per averci dato la possibilità di creare questo progetto, di vivere quest’avventura fatta di tante gioie e difficolta e ancora… buon compleanno Angelo, ovunque tu sia. Intanto i lavori proseguono… la Dona non si ferma… a breve con gli aggiornamenti”.

LA SITUAZIONE non è delle migliori, con l’ennesima compagine del nazionale costretta a rinunciare all’iscrizione. Un movimento in rosa in ginocchio, che ha già incassato le defezioni di altre squadre di A, come il PuroBIO Noci (chiusura attività), oltre al Real Grisignano (ridimensionamento: ripartirà dall’A2 o dalla C), alla rinuncia della Salinis (chiusura attività) e a quella della neo promossa Dona Five Fasano (ridimensionamento, ripartirà con un nuovo progetto). La A2, inoltre, non vedrà ai nastri di partenza Union Fenice (chiusura attività), Noalese (chiusura attività), Dorica Torrette (chiusura attività per motivi non legati al Covid-19), Futsal Nuceria (chiusura attività), Decima (chiusura attività). Sempre in A2, a rischio il Duomo Chieri. Per quanto riguarda la Serie C, si fermerà anche l’Atletic Club Taranto (chiusura attività). Per ora.

Redazione